x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

B’twin evolve in Rockrider

11 June 2018
di Andrea Guerra
B’twin evolve in Rockrider
Per rispondere meglio alle aspettative degli sportivi, B’twin evolve verso una marca dedicata al mondo della mountain bike. Si chiama Rockrider, e siamo andati a vedere meglio di cosa si tratta

La trasformazione in atto in molti brand di casa Decathlon prende forma anche nel ciclismo, una delle 80 pratiche sportive coperte dal colosso francese che da tempo è uno dei leader di mercato anche in Italia e che nel giro di un triennio vuole arrivare ad affermarsi in 240 specialità. E così il marchio B'twin sarà utilizzato da ora in avanti solo per le biciclette junior, mentre prendono vita altre “marche passione” per ogni specifica tipologia sportiva: l’universo delle mtb d’ora in avanti si chiamerà “Rockrider”, titolo che torna in evidenza e guadagna autonomia.
"Ci presentiamo con un nome nuovo, già conosciuto ma destinato a crescere. E ci presentiamo con prodotti nuovi, non solo bici ma anche equipaggiamento. Tutto per la mountainbike e i suoi praticanti”, spiega Donato Favale, category manager di Decathlon per il mondo delle due ruote.

B’twin evolve in Rockrider

LE BICI

Sono quattro le novità presentate da Decathlon per dare ancora più spessore al lancio del marchio Rockrider.
Tre modelli cross country e una all mountain. Sotto il primo cappello ci finiscono la Xc 500, una front in alluminio, disponibile dalla taglia S fino alla XL (con sospensione anteriore Rock Shox Reba Air 100 mm), che rappresenta il modello “entry level” dell’universo cross country e che costa 1.200 euro; la Xc 900, front da 27,5, l’unica con telaio in carbonio (taglie dalla M alla XL), con un peso che si aggira attorno ai 10,4 chili ed è immessa sul mercato con un prezzo di 1.800 euro; e la Xc 100 s, full suspended con il blocco delle sospensioni Combolock a 3 posizioni (con un comando sul manubrio si possono regolare simultaneamente l’ammortizzatore anteriore e quello posteriore), disponibile a 1.200 euro.
Il modello all mountain, il primo della storia di Decathlon, è la Am 100 s: telaio in alluminio (dalla S alla XL), sospensioni Manitou (anteriore con escursione da 140 mm).

TRE IN UNA

Ma la vera novità riguarda il sistema Switch&Ride che consente agli appassionati di avere 3 bici in una. I modelli Xc 100 s, Xc 500 e Am 100 s, si possono montare con ruote da 27, 27,5 oppure 29. Il telaio e le forcelle sono stati pensati per accogliere i diversi diametri e il secondo treno di ruote sarà disponibile con un'offerta lancio nei prossimi mesi estivi. “In questo modo, sostituendo comodamente le ruote, l’utilizzatore potrà fare esperienze diverse con la medesima bicicletta, sia che decida di imboccare single track impegnativi, sia che invece voglia pedalare su sentieri più dolci”, spiega Donato Favale.

B’twin evolve in Rockrider

IL FUTURO

Insieme alla nuova gamma di biciclette per la montagna, Decathlon ha puntato anche sull’equipaggiamento per i biker, con un ventaglio di proposte (maschili e femminili) che vanno dai capi di abbigliamento ai caschetti passando per scarpe, occhiali e altri accessori.
Il futuro però è elettrico: anche Decathlon sta per svelare i suoi modelli a pedalata assistita. Secondo quanto annunciato da Favale, la prima e-mtb dovrebbe finire sul mercato alla fine del 2018. A inizio 2019 i clienti potranno scegliere un altro modello di mtb a pedalata assistita come anche e-bike in versione trekking.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta