x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Una pedalata, non una corsa

16 August 2018
Una pedalata, non una corsa
Piace soprattutto lo spirito non agonistico di questa lunga e magica cavalcata ciclistica (it’s a ride, is not a race) che attraversa l’Italia. C’era anche la cicloviaggiatrice Paola Gianotti

Buona la prima. Ottima la seconda. Stiamo parlando della Chase the Sun Italia-Enervit, seconda edizione. Raddoppiati i partecipanti rispetto all’edizione 2017. Numero chiuso a 180 ciclisti. Obiettivo raggiunto, sabato 23 giugno.
Si inizia con la cena del venerdì sera a Cesenatico. Si conoscono i compagni di strada, si ascoltano le ultime indicazioni per affrontare l’Italia coast-to-coast. Si finisce con un bagno vestiti da bici e con la cena-festa a Tirrenia. In mezzo 271 chilometri di un indimenticabile paesaggio italiano, attraverso i luoghi più segreti e suggestivi dell’Appennino Tosco-Romagnolo. Un valico, quello dei Tre Faggi, sconosciuto. O meglio “non pervenuto”, come lo ha definito l’amico Giacomo Pellizzari. Una lunga traversata con un perfetto mix di natura, cultura e gastronomia. Dall’alba adriatica al tramonto tirrenico. Da est a ovest.

Il numero chiuso si alzerà
Cesenatico con la sua proverbiale accoglienza e il suo outback, la prima salita alla Rocca delle Caminate. Premilcuore e le Foreste Casentinesi, la vecchia strada tosco-romagnola, il bar Cavallino, il passaggio nel cuore di Firenze, la panoramica salita di Carmignano, le tagliatelle del Pinone, il passaggio da Vinci, la foresta di Staffoli e la Val di Nievole. L’ultima fatica per scollinare al Colle di Calci da Buti, la magica facciata della Certosa di Calci. E ancora non è finita: Pisa con la sua Piazza dei Miracoli, la basilica di San Pietro a Grado, la piccola strada Bigattiera e di nuovo il mare. A ovest.

L'articolo completo, con le foto di Giovanni Auletta/Pentaphoto, è sul numero 26 di Cyclist.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta