x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Piaggio Wi-Bike

10 ottobre 2017
Piaggio Wi-Bike
Il design della Wi-Bike è frutto del centro stile Piaggio, e coniuga il classico stile italiano con la funzionalità. I designer sono in particolare fieri dell'integrazione del powertrain - cioè il motore elettrico, la trasmissione e la batteria - nel telaio, che rimane razionalmente pulito

D'altra parte il motore è stato disegnato ad hoc dalla Piaggio proprio per rimanere in ombra alla corona, mentre la batteria, alloggiata sul tubo verticale sotto la sella, è più evidente perché collocata in una zona che deve essere facilmente accessibile. Fornisce un’autonomia tra i 60 e i 120 chilometri e si ricarica in poco più di 3 ore. Il telaio in alluminio ha la forcella ammortizzata ed è declinato in più versioni.


Si fa in quattro

La Wi-Bike è disponibile in quattro allestimenti. Comfort, modello base, telaio a canna bassa, con forcella ammortizzata, sella comfort, manubrio regolabile. La Comfort Plus ha in più la sella e le manopole in pelle, varie cromature e pneumatici color crema, ed è disponibile anche nella versione maschile. La Active è la sportiva di casa, e la Active Plus (nella foto), è la più accattivante nello stile e nell’equipaggiamento, con grafiche dedicate e dettagli di pregio.
Tutte le versioni sono offerte in varie taglie e con diverse possibilità del cambio.

Motore made in Piaggio

Il motore è limitato a 250W e 25 km/h di velocità massima per rientrare nella normativa, e quindi la bici non richiede la targa, il casco motociclistico (sempre consigliato però quello da bici), e permette di accedere alle piste ciclabili e alle zone a traffico limitato. La trasmissione è a cinghia e c'è un cambio automatico a variazione continua, assistito elettronicamente. Si può scegliere anche un cambio con selezione manuale e uno tradizionale a 9 velocità, con finale a catena. La frenata è affidata a due dischi (di 180 mm l'anteriore, 160 mm il posteriore), con pinze idrauliche. La sicurezza è garantita dalla connessione tra il cruscotto, la batteria e il motore elettrico, che funzionano solo se sono collegati insieme; rimuovendo il display (che funge da chiave elettronica), la Wi-Bike è inutilizzabile. Inoltre nella batteria è alloggiato un modulo GPS/GSM che funziona da antifurto satellitare e quando rileva un tentativo di furto, invia una notifica all’app dedicata e indica la posizione del veicolo su una mappa.

Social & fitness

La app Piaggio ideata per la Wi-Bike, oltre a garantire i servizi classici, navigazione, controllo del cambio, delle batterie... permette di programmare il livello di assistenza del motore in percentuale variabile a seconda della potenza applicata sui pedali, trasformandosi in una bici da allenamento. Per esempio si può impostare uno sforzo fisso, 100 W e una determinata frequenza di pedalata: poi sarà il motore a regolare il suo contributo in base alle variazioni altimetriche.
Nel commuting urbano invece si può scegliere di non superare una soglia massima dello sforzo (ed evitare di arrivare in ufficio sudati).
Ci sono tre mappe di erogazione: Standard, con potenza proporzionale allo sforzo; City, con spinta più forte alla partenza; Hill, con il motore che si adatta alla pendenza. Ognuna ha dieci livelli di assistenza.
Il sistema PMP gestisce anche le informazioni legate al fitness, monitorizza i dati del proprio corpo e indica come raggiungere gli obiettivi posti in termini di ritmo cardiaco o consumo di calorie. E c'è pure la community: al termine di ogni attività è possibile condividere con i propri amici, sui social network più diffusi, l’esperienza appena vissuta.
Prezzi a partire da 2.929 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags

Sposta