Cyclist magazine numero 62: in vendita ora!

Su questo numero. Nel cuore delle Dolomiti. Come nasce la Maglia Gialla del Tour. Gravel Gourmet. Salite classiche: Oude Kwaremont. Michele Graglia, ultrarunner e biker. Tour the France Femmes. Cosa sapere sul cannabidiolo. Test bici Bmc Roadmachine X One, Specialized S-Works Crux, gruppo Campagnolo Ekar.

In copertina, le Dolomiti non deludono mai (foto di Mike Massaro)

SFOGLIA L'ANTEPRIMA

L’Italia che incanta con le sue montagne più iconiche.
L’Italia che mostra la sua ricchezza culturale.
L’Italia che produce e vince.
È l’Italia che va in bici.

Il periodo non è certo dei più sereni. Fatti gravi, gravissimi ci costringono a limitare le nostre aspettative in ogni ambito della vita quotidiana. Ed è per tale ragione che su questo numero di Cyclist magazine cerchiamo di spiegare perché l’Italia che va in bici, nonostante tutto, continua a pedalare e a tirare dritto.

C’è un’Italia che da sempre produce qualità e che dopo 108 edizioni di Tour de France rigorosamente made in France, realizza la Maglia Gialla (e tutte le altre maglie dei leader di classifica) grazie alla credibilità di un’azienda di Bergamo, la Santini Maglificio Sportivo del Cavalier Pietro Santini e delle figlie Monica e Paola, capace di mietere successi nel campo dell’equipaggiamento ciclistico di qualità dalla metà degli anni Sessanta. "Sono davvero orgoglioso che anche la Maglia Gialla sia firmata da noi. Portare un po’ di italianità in Francia è una bella vittoria" ci ha confessato il Cavalier Pietro nel servizio esclusivo che siamo andati a realizzare fra i macchinari che producono la Maglia Trofeo e le divise di tante altre grandi classiche del ciclismo mondiale. Siamo orgogliosi anche noi caro Cavaliere.

C’è poi un’Italia che mira a far conoscere e riconoscere la qualità della proposta turistica, culturale, storica e perché no, enogastronomica del nostro Paese mediante una bellissima iniziativa chiamata Gravel Gourmet. Il suo nome dice già molto. Ma se volete capire che cosa significa veramente partecipare a questa “non gara”, siamo andati a testarla in anteprima nelle valli del Parmense.

C’è infine un’Italia che esiste da sempre e incanta. È rappresentata dalle nostre splendide montagne. Alcune delle quali, come le Dolomiti, sono davvero uniche al mondo in quanto a fascino. Siamo andati a pedalare ad Arabba, per salire verso il Passo Fedaia. Una vera emozione per il cuore e per la mente. Un po’ meno per le gambe. Ma si sa, quando sei al cospetto della natura dolomitica, passa tutto.

Vittorio Nava

Direttore

Il numero 62, Aprile 2022, di Cyclist magazine è ora in vendita.

Puoi acquistarlo qui o abbonarti qui

Cosa trovi sul numero 62?

Come nasce la Maglia Gialla del Tour the France? Santini ci ha aperto le porte del suo stabilimento (foto Jacopo Altobelli)

SFOGLIA L'ANTEPRIMA

Inside Brand: Santini in Giallo. Ci sono volute 108 edizioni del Tour de France per convincere i francesi ad affidare la maglia trofeo al brand simbolo del made in Italy (nella foto).

Big Ride: Nel cuore delle Dolomiti. La catena montuosa tra le più celebri e amate al mondo ospita alcuni dei più bei passi che si possano visitare in bicicletta. Cyclist ne ha affrontati tre.

Ride Italy: Tutti i sapori della gravel. I comuni di Collecchio e Traversetolo ospitano la prima edizione di Gravel Gourmet. Cyclist ha provato il percorso in anteprima.

Salite Classiche: Oude Kwaremont. La salita fiamminga di Oude Kwaremont, in Belgio, mette a dura prova anche i palati ciclistici più esigenti.

Insight: Un Tour tutto nostro. Il prossimo Tour de France Femmes sarà il più recente tentativo di dare alle donne la loro versione della più grande corsa del mondo.

People: Le due anime di Michele.

Michele Graglia, ex modello, oggi fra i più forti ultrarunners al mondo e ciclista appassionato. Usa la bici, soprattutto gravel e pedala ovunque.

BICI & COMPONENTI

GEAR+TECH Classified Powershift

NEW GEAR Outwet by Dryarn, Look X-Track Race Carbon, Brompton T Line Liv Macha Pro

TEST Bmc Roadmachine X One

TEST Specialized S-Works Crux

TEST Campagnolo Ekar

PIÙ…

Gravel: Tutto pronto per la rissa. Da movimento senza regole a specialità agonistica. La gravel rischia di perdere la sua anima?

Johan Museeuw. Intervista al re delle Fiandre

Train+Eat: Cannabidiolo. Derivato dalla pianta di cannabis, il CBD sta guadagnando popolarità come integratore per i ciclisti.

Stop allo sporco. Il detergente giusto per pulire la bici.

Over 50. Occhio all’alcol

Il numero 62 di Aprile 2022 di Cyclist lo trovi nelle migliori edicole italiane. Attivo anche il servizio lamiacopia.sodip.it se desideri assicurarti una copia del magazine presso il tuo edicolante di fiducia.

ACQUISTA LA COPIA DIGITALE

© RIPRODUZIONE RISERVATA