Argento e bronzo nell'inseguimento individuale per Jonathan Milan e Filippo Ganna, podio di Elisa Balsamo nell'omnium

Il giovane talento italiano prova a resistere a Ashton Lambie ma cede dopo un chilometro, Ganna annienta lo svizzero Claudio Imhof raggiungendolo poco dopo metà gara. Anche Elisa Balsamo sale sul podio nell'omnium femminile.

Jonathan Milan (foto Federciclismo).

Altre due medaglie, un argento e un bronzo, per gli azzurri ai Campionati Mondiali su pista di Roubaix, ma questa volta con tanti rimpianti.

Non si poteva chiedere nulla di più a Jonathan Milan, Campione d’Europa in carica dell'inseguimento individuale, che contro il favorito Ashton Lambie ha provato il colpaccio spingendo al massimo (forse toppo) nel primo chilometro, ma venendo poi risucchiato dallo specialista statunitense, detentore del record mondiale di specialità (e che si allena solo per questa tipologia di gara).

Senza nulla togliere al giovane talento italiano, probabilmente ci fosse stato Filippo Ganna al suo posto le cose sarebbero andate in maniera differente. Ma Top Ganna ha giocato malissimo le sue chance in qualifica con una partenza lentissima, andando a cogliere solo la finale per il gradino più basso del podio.

Nella finalina non ha avuto pietà per il povero svizzero Claudo Imhof. Come una furia Filippo ha mangiato centesimi su centesimi all'avversario passandolo a velocità doppia ai 2.375 metri (di 4.000). Ma non domo ha provato a continuare per concludere comunque l'intera gara, forse per fare registrare il miglior tempo delle finali, forse per provare a battere il record mondiale, ma i giudici (e il regolamento) glielo hanno impedito.

Sconsolato, il velocista azzurro, ha guadagnato il bordo pista scuotendo la testa, probabilmente arrabbiato con sé stesso per un'occasione (in qualifica) gettata al vento. Ora il meritato riposo, dopo una stagione passata sempre col vento in faccia.

Filippo Ganna (foto Federciclismo).

Anche Elisa Balsamo di bronzo

L'ultima medaglia della serata arriva dall'omnium femminile dove Elisa Balsamo, neo campionessa mondiale in linea, ha agguantato la medaglia di bronzo.

Partita con il sesto tempo nello scratch, ha guadagnato una posizione nella tempo race, la seconda nell’eliminazione, provando poi a gestire al meglio la corsa a punti, perdendo l’argento per soli 3 punti nella fase finale di gara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA