di Joe Robinson - 10 February 2021

Thomas Pidcock e la sua incredibile corsa di 5 km

Sono solo 5 i secondi che separerebbero il 21enne inglese dal record italiano sui 5K, dopo un allenamento di corsa tra le strade di Leeds.

In un fine settimana in cui la stagione agonistica 2021 ha finalmente preso il via e Peter Sagan è risultato positivo al covid, tutte le web-comunity di amanti del ciclismo si sono concentrate sulla incredibile prestazione (a piedi) di Tom Pidcock, chiedendosi se realmente sia riuscito a correre 5 km in 13 minuti e 25 secondi. Proprio così, negli ultimi giorni la cosa che ci ha tenuto svegli di notte è stato il neo Ineos Grenadier, che ha postato sui suoi canali social una breve corsa di 5 km.

Domenica pomeriggio, il 21enne ha pubblicato sul suo account Instagram foto e video del suo allenamento di 5 km che avrebbe voluto correre in meno di 15 minuti, ma che invece ha concluso in 13'25”.

“Sembra molto veloce” ha commentato Pidcock, accompagnando l'affermazione con l'emoticon del pianto, probabilmente consapevole dell'impossibilità del suo risultato, ad appena 5 secondi dal record italiano dei 5 km su strada ottenuto il 31 dicembre scorso dall'azzurro Yeman Crippa a Bolzano. Con un crono simile, Pidcock potrebbe tranquillamente qualificarsi come runner per le olimpiadi.

Un minuto e mezzo in meno di quanto avrebbe voluto fare. A una media di 2 minuti e 41 secondi. Pidcock sarebbe riuscito a mantenere per 5 km un passo che per la maggior parte dei runner è utopia. In allenamento. Con addosso una giacca da running. Incredibile. Per questo ho deciso di esaminare la cosa andando un po' più a fondo. E mi sono subito reso conto che alcune cose non quadravano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA