a cura della Redazione - 16 July 2021

Cyclist magazine numero 55: in vendita ora!

Sul fascicolo di Luglio/Agosto 2021: Big Ride in Grecia nei pressi di Atene; si sale sul Pikes Peak in Colorado e ci si lascia conquistare dalla Franciacorta in gravel. Olimpiadi, intervista a Filippo Ganna, confronto bici superleggere. In più… Cycling Electric!

SFOGLIA L'ANTEPRIMA

Il numero 55, Luglio/Agosto 2021, di Cyclist magazine è in vendita in edicola e sullo store digitale. Puoi acquistarlo qui o abbonarti qui

Quando tutto sembra volgere al meglio ecco che arriva la notizia, peraltro prevedibile, che smorza e non poco gli entusiasmi nei confronti dei cerchi olimpici: i Giochi a Tokyo si terranno sì, ma senza pubblico.

Decisione adottata dal governo giapponese e dal consiglio direttivo della trentaduesima Olimpiade per contrastare il preoccupante aumento di contagi causati dal Covid-19 e dalla temibile variante Delta. Non c’è dubbio, lo spettacolo planetario perde uno dei suoi elementi principali: gli spettatori. Ma non ci sono alternative. E il Cio approva: “Rispettiamo la decisione e la supportiamo affinché siano Giochi sicuri per tutti”. Non è bastato il rinvio di un anno a causa della pandemia, come racconta Richard Moore nell’articolo “Meglio tardi che mai”.

Tutto a porte chiuse dunque, compresa la cerimonia d’inaugurazione nel nuovo stadio nazionale della capitale giapponese che vedrà per la prima volta un ciclista, Elia Viviani, portabandiera dei colori italiani assieme all’infallibile tiratrice al volo Jessica Rossi. Immaginiamo l’atmosfera surreale in cui si troveranno tutti gli atleti che sfileranno e successivamente gareggeranno davanti ad una platea virtuale.

Lo sport è salute, ma la salute viene prima dello sport, per questa ragione dobbiamo accettare serenamente anche una limitazione così severa. Vedremo ugualmente Filippo Ganna (su questo numero l’intervista-racconto “Top Ganna” di Alberto Rosa) puntare alla medaglia più preziosa. E con lui tutti gli atleti e le atlete che ci rappresenteranno e si confronteranno con il resto del mondo nel rispetto di quello spirito olimpico con tutto il suo carico di significato sociale.

Cyclist intanto pedala e lo fa un po’ ovunque per tornare a sognare percorsi, salite, ciclovie, strade e sterrati sempre pronti ad accogliere noi e le nostre bici. Siamo andati in Grecia, terra splendida per il ciclismo, tenuta tuttavia inspiegabilmente ancora in scarsa considerazione dagli amanti del tour cycling, come racconta Peter Stuart nella Big Ride “La montagna degli Dei”, poiché offre poche strutture di accoglienza per i bikers. Cyclist ne ha scovata una super.

Attraversiamo l’Oceano per raggiungere il Colorado, le Montagne Rocciose e affrontare il Pikes Peak, una salita meravigliosamente impegnativa. Torniamo in Italia per goderci invece un percorso gravel di rara bellezza in un territorio che non mancherà di soddisfare anche i palati più esigenti: la Franciacorta.

Infine, un regalo: lo speciale Cycling Electric, dedicato, come è facile intuire, alle bici elettriche e a come cambierà il mondo della mobilità sostenibile a partire proprio dalle e-bike.

Vittorio Nava Direttore

Cosa trovi sul Numero 55?

© RIPRODUZIONE RISERVATA