Donne e bici: la nuova LIV Langma

Liv ha aggiornato la sua bici da corsa da donna Langma per renderla più leggera, aerodinamica e veloce.

1/4

LIV Langma.

Modello Liv Langma Advanced SL Disc

Peso 6,65 kg (small)

Gruppo Sram Red eTap AXS

Dotazione Manubrio Liv Contact SLR, attacco Giant Contact SLR, reggisella Giant Variant SLR, sella Liv Alcara SLR CS, pneumatici Cadex Road Race Tubeless 25 mm

Ruote Cadex 36 Disc

Prezzo € 11.200

Contatti liv-cycling.com

Liv è il marchio gemello di Giant, che produce biciclette specifiche per le donne fino alle bici da corsa dedicate al World Tour per il suo team Liv Racing. La nuova Langma si trova sopra a tutte, e in cima agli 11 modelli della nuova linea Langma c'è questa Advanced SL Disc, che è già stata guidata alla vittoria da Lotte Kopecky a Le Samyn des Dames in marzo e al Campionato Nazionale Belga in giugno.

I più attenti noteranno che quest'ultimo modello condivide una serie di tratti con il cugino, Giant TCR, recentemente ridisegnato. Le forme dei tubi e la silhouette sono molto simili, così come la forcella sottile e il gruppo tubo sella/reggisella. Ma questo non significa che la Langma sia solo una versione "rimpicciolita e rosata" della Giant. Anche se Liv e Giant condividono esperienza e tecnologia, le due aziende sono separate, e Liv insiste sul fatto che ogni elemento delle sue bici è progettato pensando alle sue clienti donne. Come dice il product manager David Ward: "Esistono vestiti per uomini e per donne, scarpe per uomini e scarpe per donne. Siamo costruiti in modo diverso, quindi perché non lo sono anche le biciclette?”.

Quindi, nonostante l'apparente somiglianza visiva la Langma condivide a malapena qualche cifra sulla tabella delle geometrie con la sua equivalente TCR più vicina, ma è più adatta al corpo delle donne, secondo Liv. In termini pratici, questo significa uno stack leggermente più alto e un reach più corto rispetto alle bici da uomo e l'uso di componenti più adatti alle donne, come barre più strette e pedivelle più corte.

1/2

LIV Langma.

Di più

Tra i miglioramenti apportati da Liv, il nuovo modello è più leggero, con una forcella più rigida per una migliore maneggevolezza e una migliore aerodinamica. Nella Advanced SL Disc, Liv ha utilizzato pezzi più lunghi e continui di fibra di carbonio nei tubi del telaio e nelle giunzioni per garantire rigidità risparmiando sul peso. Il risultato è un telaio più leggero di 60 g rispetto al precedente Langma Advanced SL, che riduce una bici completa (taglia small) a soli 6,65 kg.

La rigidità della forcella è dichiarata come migliorata del 50% e i nuovi profili dei tubi promettono meno resistenza, specialmente se abbinati alle nuove ruote Cadex 36 Disc e al reggisella aero ridisegnato.

Nessun risparmio sulle specifiche. Oltre alle ruote Cadex da 1.302 g (Cadex è il marchio di ruote premium di Giant), il modello di fascia alta SL viene fornito con il nuovo gruppo Shimano Dura-Ace. Il tutto per un costo complessivo di 11.200 euro.

Il modello successivo nella gamma - l'Advanced Pro Disc 0 AXS - non ha la stessa magia sotto la pelle di carbonio, ma vanta ancora miglioramenti di peso e rigidità e costa 6.500 euro. All'altra estremità della gamma, la Shimano Tiagra-specced Advanced Disc 3 si avvicina ai 2.000 euro.

Sempre più in alto

Il nome Langma deriva da 'Chomolungma', il nome tibetano del monte Everest, che dà un'idea di dove Liv voglia andare: "La Langma è progettata come una bici performante a tutto tondo che eccelle in salita".

L'Everest potrebbe essere un po' lontano per un giro di prova, ma ero ansiosa di vedere come si sarebbe comportata la bici in salita. Penso che sia giusto precisare che la bici era preparata ad affrontare le colline più di quanto lo fosse il pilota.

La leggerezza è stata immediatamente evidente, offrendo una marcia in più virtuale. La reattività è stata senza esitazioni grazie alla rigidità del telaio e alle ruote Cadex, che hanno anche contribuito a un'eccellente maneggevolezza senza mai diventare troppo dure.

Da abituale utilizzatrice di bici unisex - leggi: da uomo - ho sentito subito il lavoro della geometria specifica pensata per le donne. Non ho mai sentito alcun dolore nella parte superiore del corpo, anche dopo una giornata in cui mi sono sforzata più del solito, e l'ergonomia del manubrio più stretto mi ha permesso un maggiore controllo quando sono uscita di sella o lungo i tornanti.

Ho portato la Langma su alcuni dei passi più ripidi e più lunghi del Lake District nel tentativo di trovare qualche imperfezione, ma l'unico a a non essere stata perfetta sono stata io.

Inoltre, non si può negare che anche esteticamente sia una bici molto bella. Il colore appare quasi nero all'ombra, ma non appena un raggio di luce colpisce il telaio si trasforma in un profondo, scintillante viola che rivela la costruzione in fibra di carbonio sotto la superficie lucida.

Cosa rende questa bici così buona? C'è la tecnologia, ci sono i componenti, sì. Ma, ciò che amo veramente è la sensazione che la bici sia stata costruita per me, che mi fa sentire come un bambino

a Natale ogni volta che esco a fare un giro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA