di Alfredo Colella - 13 June 2018

Campagnolo Movement 12

Campagnolo introduce una nuova linea completa di trasmissioni: Super Record e Record Movement 12 rappresentano una pietra miliare nell’evoluzione della trasmissione meccanica e sono disponibili in versione sia tradizionale (rim) sia disco (disc).
Campagnolo Movement 12

Iniziamo col dire che la base di partenza – la guarnitura Campagnolo H11 – è stata ulteriormente sviluppata sotto molti punti di vista. A colpo d’occhio, i nuovi cambi hanno un aspetto innovativo e audace, anche se la forma di ogni componente è incentrata sulla sua funzione speci­fica, mentre il design è improntato alle prestazioni e all’affidabilità.
L’ergonomia risulta più performante grazie all’introduzione di nuove funziona­lità: il design dei copri supporti, una leva freno migliorata e i più ampi comandi del cambio si abbinano alle preferenze e alle esigenze di ogni ciclista.

Controllo facile e sicuro

I comandi Ergopower in versione rim brake consentono diverse prese, mentre la versione disc brake incorpora il sistema AMS e la regolazione della posizione iniziale, per assicurare maggiore personalizzazione. Restano capisaldi dei comandi Ergopower Campagnolo la filosofia “one-lever-one-action” (che garantisce un controllo facile e sicuro) e i meccanismi interni Ultra-Shift (che permettono cambiate multiple fino a 5 pignoni in discesa e 3 in salita con un unico movimento), qui ridi­segnati per interfacciarsi perfettamente con il Movement 12.

La tecnologia 3D Embrace

Il cambio è riprogettato con una nuova curva di movimento ottimizzata per i pacchi pignoni 11-29 e 11-32, e incorpora l’evoluzione della tecnologia Embrace di Campagnolo, che ora prende il nome di 3D Embrace: non solo mantiene il cambio orientato verticalmente nella posizione ideale per ogni pignone, ma lo orienta perfettamente lungo l’asse anteriore e posteriore di ogni ingranaggio. Grazie a tale tecnologia e alle rotelline più ampie sono garantiti la distanza e l’innesto ottimali per ogni pigno­ne, indipendentemente dal pacco scelto.
Il tutto abbinato a ben 12 marce. D’ora in poi, non solo si potrà pedalare con il rapporto più idoneo a un de­terminato terreno, ma non si avrà più bisogno di scegliere una serie di pignoni specifica per il tipo di corsa: Movement 12, infatti, ovvia di fatto alla necessità di avere in casa un’ampia gamma di pacchi pigno­ni ed è perfettamente compatibile con gli attuali corpi ruota libera, per cui si può continuare a utilizzare le ruote e il telaio in possesso senza alcun problema.

La sfida vinta

Incorporare un ulteriore rapporto nello stesso spazio è stata una sfida per i tecnici Campagnolo, perché significava dover utilizzare pignoni e catena più sottili, fermo restando l’obbligo di garantire longevità e funzionalità. La nuova catena 12 Speed, sebbene più sottile e leggera, si innesta rapidamente e assicura la stessa durata dei modelli precedenti a 11 velocità. A essa si coordina il nuovo deragliatore, il cui design si basa sui successi della versione Rev11+. Una configurazione con semi­biella e biella esterna separate elimina la corsa libera, consentendo una deragliata in salita immediata e reattiva, mentre il nuovo angolo di traiettoria permette l’uso di pneumatici larghi fino a 32 mm.

Le guarniture

L’elemento visivamente più interessante della nuo­va trasmissione è rappresentato dalle guarniture (Super Record e Record, pedivelle di misure 165, 170, 172.5, 175) perfettamente compa­tibili con sistemi rim e disc. Resta conservata la soluzione a 4 bracci e 8 bulloni, che le rende struttural­mente più integrate e reattive e consente l’intercambiabili­tà tra combinazioni di ingranaggi. La rigidità strutturale che elimina la torsione laterale è aumentata ulteriormen­te nel modello Super Record in carbonio, che aggiunge un rinforzo – sempre in carbonio – nelle aree di massima sollecitazione (verso i bordi esterni dell’ingranaggio).

Il sistema frenante

Parlando di sistema frenante, per quanto riguarda la versione rim tradizionale Campa­gnolo ha studiato una soluzione ad alte pre­stazioni, progettando nuovi freni direct mount a doppio fulcro con pinza dal profilo aerodinamico per conferire la massima potenza, modularità e compatibilità con pneumatici larghi fino a 28 mm. La versione disc, invece, prevede pistoni da 22 mm in resina leggera resistente al calore, pinze dotate di un’estetica pulita e di un design sicuro (poiché montate senza bisogno di adattatori), pattini con smusso antivibrazioni per garantire silenziosità e fluidi­tà, dischi dai profili esterni arrotondati, un particolare design che semplifica la sostituzione della ruota e indicatori di usura (visivi e acustici). Infine, il composto delle pastiglie in resina organica è estre­mamente resistente al calore e garantisce una frenata fluida e uniforme indipendentemente dalle condizioni cli­matiche o di temperatura.

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA