Il sogno americano di Cinelli e Columbus

Victor Luis, con la propria società di investimento familiare Asobi Ventures Inc, è il nuovo socio di maggioranza dell'eclettico Antonio Colombo alla guida dello sviluppo dei due storici marchi italiani di ciclismo.

Due dei brand italiani che hanno fatto la storia del ciclismo mondiali, Cinelli e Columbus, approdano negli States. Passa infatti alla Asobi Ventures Inc, società di investimento familiare di Victor Luis (Louis Vuitton, Tapestry e Moose Knuckles) la quota di maggioranza della Gruppo Srl, società madre dei due marchi.

Sede e progettazione rimarranno a Settala, in provincia Milano, storica casa delle due società, dopo che Antonio Colombo, nel 1979, aveva rilevato la piccola fabbrica di biciclette fondata a Lambrate dall’ex campione Cino Cinelli rivoluzionandone la produzione. Sarà Marcello Segato, manager e imprenditore esperto nel settore della mobilità, da febbraio 2020 già consulente della Gruppo srl, il nuovo CEO della società.

L’obiettivo è di dare nuova linfa a un brand già noto in tutto il mondo (e soprattutto in USA), abbinando alla più stretta attività legata al prodotto, lo sviluppo di linee di abbigliamento sportivo e accessori, già lanciata in questi anni da Cinelli.

"È difficile e impegnativo consegnare 100 anni di eredità e di grandi soddisfazioni - ha confessato Antonio Colombo -. L'ho fatto quando ho riconosciuto in Victor Luis la perfetta comprensione della mia visione di fondere il ciclismo con l'arte la cultura il design la tecnologia e la competizione, unita a un'indiscussa e comprovata capacità manageriale e organizzativa. 'I have seen the future and the future is now' e sono felice di essere ancora a bordo di questa astronave a due ruote per esplorare le galassie del Nuovo Ciclismo, sempre nel solco del 'Grande Ciclismo' tracciato da mio padre Angelo Luigi e dal genio del grande campione, visionario imprenditore e fondatore della prima associazione di ciclisti professionisti, Cino Cinelli.”

1/3

Antonio Colombo e Victor Luis.

"Sono certo che la visione di Victor e la leadership di Marcello Segato come amministratore delegato - ha concluso Antonio Colombo -, faranno prosperare le nostre squadre e il nostro business per altri cento anni. Non vedo l'ora di averli come miei partner in questo prossimo viaggio e di sostenerli mentre continuiamo a costruire sulle forti fondamenta e sul patrimonio dei nostri splendidi marchi".

"Io e la mia famiglia prendiamo molto seriamente la responsabilità della proprietà di questi due marchi straordinari e il ruolo di primo piano che hanno giocato nel design, nella tecnologia e nella cultura del ciclismo - ha aggiunto Victor Luis -. Non vedo l'ora di sostenere la visione di Antonio e il lavoro dei talentuosi team della Gruppo mentre ci apriamo a nuovi mercati e sfruttiamo le tendenze globali molto positive nel ciclismo, nel benessere e nell'outdoor. Gruppo ha forti radici come produttore italiano e i recenti problemi nella logistica globale hanno solo rafforzato il nostro ruolo, con tutta la competenza dell’alto artigianato italiano.”

1/6

Antonio Colombo in posa con la Cinelli Laser Disc di Keith Haring.

Un po' di storia

La nascita della Gruppo risale al 1919 con la fondazione della Columbus (allora A.L. Colombo), che diviene subito leader nella produzione di tubi di precisione in acciaio per l'aviazione, l'arredamento moderno e per le migliori marche di biciclette. Campioni del ciclismo come Coppi, Anquetil, Merckx, Moser e tanti altri hanno corso con tubi Columbus.

Cinelli, fondata nel 1947 dall'ex corridore professionista e campione italiano Cino Cinelli, è da sempre punto di riferimento del ciclismo mondiale. L'iconico Cinelli Supercorsa è il più antico modello di bicicletta da strada ancora in produzione nel mondo; le Laser Cinelli hanno vinto 28 medaglie d'oro olimpiche e mondiali su pista, più di qualsiasi altra bicicletta nella storia di questo sport. Nel 1991 la Laser Evoluzione ha vinto il prestigioso Compasso d'Oro.

Famose sono anche le collaborazione artistiche e di design di Cinelli con Keith Haring, Kaws, Phil Frost, Futura 2000, Alessandro Mendini e Mario Schifano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA