di James Spender - 30 ottobre 2019

Cinelli Laser Mia

L’ultima nata della dinastia Laser ricorda ancora le sue origini

1/7

1 di 4

E' cosa poco conosciuta, ma una volta Cinelli realizzò una BMX, la CMX 1. Lanciata nel 1980, potrebbe essere l’unica BMX al mondo realizzata in acciaio Columbus e dotata di pedivelle Campagnolo. Come ammette l’amministratore delegato di Cinelli, Paolo Erzegovesi, fu più una risposta alle esigenze del mercato di allora che frutto di una vera programmazione – la BMX era esplosa negli Stati Uniti a metà anni ’70 e l’Europa si stava adeguando.

Non ne abbiamo vendute molte, veramente”, dice Erzegovesi. “Ma era un modello interessante per l’epoca e aveva alcune caratteristiche all’avanguardia”. In particolare, era saldata a TIG, un nuovo sistema per unire i tubi, e presentava un’aletta di rinforzo nella parte posteriore del tubo sterzo. Anche se indirettamente, questa piccola BMX è stata d’aiuto nella realizzazione di una delle serie più iconiche che ci siano, la Laser di Cinelli.

La serie Laser ha compreso di tutto, dalle bici aero in acciaio alle “bici da svago” con ruote anteriori da 24 pollici, dai modelli da crono a quelli da pista, per finire col tandem. Quella qui testata è la sua ultima incarnazione, la Laser Mia in carbonio.

La Laser originale è stata progettata dal proprietario di Cinelli Antonio Colombo, il cui padre Angelo ha fondato la ditta di tubi Columbus nel 1919 e ha comprato il marchio Cinelli nel 1978 da Cino Cinelli. “Tutto è iniziato quando ho visto una bici aero francese, durante un viaggio in Giappone, e la cosa mi ha fatto riflettere. Volevo realizzare la bicicletta più bella possibile per l’ambiente milanese”, racconta Colombo.

Quella Laser debuttò nel 1981 e utilizzò i principi della CMX 1. È stata una delle prime bici da strada saldate con la tecnica TIG e aveva alette aero levigate a livello delle giunzioni tra i tubi. Tuttavia, in realtà, la forma del telaio non aveva caratteristiche aero testate e, come dice Erzegovesi, quei rinforzi avevano la funzione di irrobustire la struttura, rinforzando i tubi da un pollice di diametro e i foderi verticali piatti.

La vera natura aerodinamica della Laser era insita nella sua personalizzazione. Con la saldatura TIG, i tubi potevano essere uniti con qualsiasi angolazione, per creare la posizione più aero possibile (a differenza dei telai tradizionali, le cui giunzioni prevedevano angoli definiti) e le alette di rinforzo rendevano più acuti gli angoli delle intersezioni tra i tubi e più rigido il telaio.

Questi sono anche i capisaldi della Laser Mia, che non è un modello aero nel senso moderno del termine, ma è un telaio completamente personalizzabile (a patto di pagare un costo extra). Sia le bici di serie sia quelle personalizzate sono realizzate per Cinelli da un noto costruttore italiano.

Questa Laser Mia porta tutti i segni distintivi di quella originale, dalle alette smussate alle giunzioni dei tubi ai foderi verticali a lama, fino alla “pinna” sotto il movimento centrale che sembra uno spoiler rovesciato. Anche grazie al suo tipico colore “azzurro Laser”, è una delle bici più carine sul mercato.

“Classica” è un’ottima parola per descrivere questa bici. Evita i trend moderni del mercato. Il movimento centrale è filettato, il canotto della forcella è un pollice e un ottavo, i tubi sono tondi e relativamente sottili, anche se forse ciò che richiama di più la tradizione sono i foderi posteriori. Pur con il suo aspetto snello, la parte posteriore della Laser è piuttosto solida e la cosa credo sia dovuta alla forma e all’orientamento dei foderi, che sono appiattiti sul piano verticale.

La prova completa è stata pubblicata su Cyclist - Agosto/Settembre 2018

Modello Cinelli Laser Mia

Gruppo Campagnolo Super Record 2017

Ruote Campagnolo Bora Ultra 50

Dotazione manubrio e attacco Cinelli Ram3, reggisella Cinelli Vai, sella Selle Italia SLR Titanium Nubuk, pneumatici Vittoria Corsa G+ 28 mm

Peso 7,02 kg (taglia 55)

Prezzo kit telaio 4.450 euro (per i telai custom, 5.265 euro)

Contatti cinelli.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA