Cyclist magazine numero 59: in vendita ora!

Su questo numero. Nuovo Codice: luci sì o no? Big Ride: Non solo Alpe d'Huez. Salite Classiche: Teide. Ride Italy: Salire al Ghisallo. Avventura gravel in Turchia. Piemonte: Grand Tour Unesco. Pedalare in Romagna. Shimano Dura-Ace R9200. Bici: Cervélo, BMC, Merida. Programma di allenamento invernale.

In copertina, Big Ride nella regione francese del Rhône-Alpes alla scoperta di percorsi alternativi all’Alpe d’Huez (foto di Dan Milner). Il numero 59, Dicembre 2021/Gennaio 2022, di Cyclist magazine è ora in vendita. Puoi acquistarlo quiabbonarti qui 

SFOGLIA L'ANTEPRIMA

Un anno difficile in cui il ciclismo, in tutte le sue declinazioni,

ha lasciato intravedere come in sella ad una bici

si possa aspirare a un mondo migliore.

Il ciclismo sta vincendo su tutti i fronti. La sua popolarità in Italia è aumentata a dismisura sostanzialmente per due ragioni: i successi sportivi dei nostri atleti e un nuovo stile di vita imposto dal Covid-19.

Delle vittorie del ciclismo italiano maschile e femminile in tutte le specialità abbiamo già dato ampio risalto su Cyclist e su Cyclistmagazine.it. Ci torniamo ugualmente su questo numero con un’intervista esclusiva all’eroe della Parigi-Roubaix Sonny Colbrelli e, proiettati già al futuro del nostro sport, con una serie di domande cui ha dato risposta il neo Commissario Tecnico della nazionale di ciclismo su strada Daniele Bennati.

Ci preme invece enfatizzare quel concetto di vita (più) sana e attenta alle problematiche ambientali che, in momenti delicati e difficili di limitazioni e privazioni ai tempi del Covid passa anche attraverso l’utilizzo della bici.

Nella ricerca pubblicata da Banca Ifis intitolata “L’ecosistema della bicicletta e l’evoluzione della mobilità urbana” si osservano alcuni numeri che danno il senso di quanto entusiasmo stia generando la riscoperta delle due ruote. In Italia nel 2020 sono state vendute più di due milioni di biciclette (il dato più alto dagli anni ‘90, con un incremento del 17% rispetto al 2019). Sono quasi undici milioni gli italiani che pedalano a vario titolo, di cui circa quattro milioni sono ciclisti praticanti, concentrati soprattutto in Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto. Nel nostro Paese, si legge nella ricerca di Banca Ifis, si possono percorrere 2.341 chilometri di piste ciclabili urbane in 22 delle principali città italiane (cui si aggiungeranno altri 2.626 km previsti nei Piani Urbani di Mobilità Sostenibile) e 58.000 km di ciclovie.

Numeri dal forte impatto sociale che pesano e che hanno meritato il rispetto del Governo e del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili. Nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) sono previsti infatti 400 milioni di euro di fondi per la realizzazione di ciclovie turistiche e 200 milioni per la creazione di ciclabili urbane.

Cyclist ha ben chiara la situazione e cerca di contribuire fornendo una informazione di servizio che consenta a tutti di sentirsi ciclisti attivi, nella pratica sportiva, nel cicloturismo, nelle abitudini quotidiane, e protagonisti responsabili di un cambiamento che vedrà la bicicletta diventare un vero e proprio simbolo della ripresa.

Nota finale. Chi si aspettava pagine dedicate ai consigli per i regali di Natale rimarrà probabilmente deluso. Crediamo che il desiderio di tutti e quindi il regalo più gradito sia quello di poter tornare al più presto alla normalità. In sella alla nostra bici, naturalmente. Buone feste!

Vittorio Nava

Direttore

Cosa trovi sul numero 59?

Luci sì o no?

SFOGLIA L'ANTEPRIMA

Luci sì o no? Ancora una volta al centro dell’attenzione il corretto (e obbligatorio) utilizzo delle luci quando si va in bici. PIÙ: 10 luci per la tua bici

Non solo l’Alpe. Gli appassionati vengono in questi luoghi per i tornanti più famosi del Tour. Ma oltre all'Alpe d'Huez c'è molto altro nella regione del Rhône-Alpes.

Salite Classiche: Teide. Ci sono molti modi per risalire il grande vulcano della piccola isola di Tenerife. Ecco il preferito da Cyclist.

Ride Italy: Salita sacra. Pedalare verso la Madonna del Ghisallo ha qualcosa di speciale. Un’ascesa con la cornice del Lago di Como e la patrona dei ciclisti a vegliare.

Gravel: Sterrato turco. In Anatolia con Nico Valsesia alla ricerca di sentieri nascosti tra le infinite asperità naturali della Cappadocia, ideali per un’esperienza gravel.

Che (grand) Tour! Tanti buoni motivi per scoprire, in bici, piccole e grandi chicche del territorio piemontese. È il Grand Tour Unesco.

La Romagna che non t’aspetti. Partenza da Riccione, luogo simbolo della Romagna, alla scoperta di luoghi che non mancheranno di stupire anche il ciclista più evoluto.

L’attesa è finita. Il nuovo gruppo Shimano Dura-Ace R9200 è finalmente arrivato. Cosa è cambiato? E perché si tratta di una novità così importante?

BICI & COMPONENTI

Shimano Dura-Ace R9200

NEW Cervélo R5

TEST BMC Urs 01

TEST Merida Scultura V

TEST Kask Wasabi

PIÙ…

Il bacio del Cobra. Intervista esclusiva a Sonny Colbrelli.

Daniele Bennati. A tu per tu con il neo CT della nazionale italiana.

Racconti dal Tour. La storia di Octave Lapize

Fitness. 6 esercizi per il ciclista con il Turkish Get Up.

Allenamento. Il programma di allenamento invernale.

Cross training. Dai pedali agli sci con Cesare Benedetti.

Mani al caldo. Panoramica guanti invernali.

Il numero 59 di Dicembre 2021-Gennaio2022 di Cyclist lo trovi nelle migliori edicole italiane. Attivo anche il servizio lamiacopia.sodip.it se desideri assicurarti una copia del magazine presso il tuo edicolante di fiducia.

ACQUISTA LA COPIA DIGITALE

© RIPRODUZIONE RISERVATA