Dolore alle ginocchia: come regolare al meglio la bicicletta (Video)

La giusta bicicletta e la corretta messa in sella sono fondamentali per pedalare correttamente. Ma se compare un fastidioso dolore al ginocchio ecco a cosa dover prestare attenzione.

La prima cosa da considerare quando parliamo di problema alle ginocchia è che sono due le variabili in gioco, la bici e il suo ciclista. Ma mentre la bicicletta può essere regolata istantaneamente, cambiare la propria postura e le proprie abitudini potrebbe essere più difficile e diventare un problema.

Il ginocchio è l'articolazione più comunemente infortunata dai ciclisti. È vero che andare in bicicletta non comporta forze eccentriche - quelle tipiche date dal movimento dei piedi durante la corsa - che causano micro-danni ai tessuti e possono portare a lesioni, ma il dolore al ginocchio è un problema comunque comune anche tra i ciclisti. Questo perché vengono eseguite numerose ripetizioni con carico costante in una posizione fissa. Mentre piedi, fianchi e glutei sono bloccati sulle scarpe e sulla sella, le ginocchia non lo sono e devono far fronte a sollecitazioni e carichi dannosi.

Per questo è importante riuscire a calibrare al meglio tutta la propria attrezzatura.

Il primo consiglio è quello di rivolgersi a un centro specializzato, che possa esaminare al millimetro tutte le misure della bicicletta e programmare una messa in sella perfetta. Ma, con un po' di attenzione, è possibile anche dedicarsi a un po' di fai-da-te.

Controllare la posizione e l'altezza della sella

Una sella troppo bassa può causare un dolore al ginocchio frontale, come succede facendo uno squat troppo profondo.

Una sella troppo alta genera, invece, dolore nella parte posteriore del ginocchio.

Se posizionata troppo in avanti e schiaccerà la parte anteriore del ginocchio, mentre troppo indietro farà allungare la parte posteriore del ginocchio.

Come controllare la posizione e l'altezza della sella (per attivare i sottotitoli, cliccare su Impostazioni e selezionarli).

Controllare la posizione delle tacchette

La posizione della tacchetta è un altro fattore a rischio. Se il ginocchio è troppo avanti rispetto al piede, crea un affondo molto lungo ed esteso che comprime la rotula.

È necessario anche rispettare la propria biodinamica. C'è chi cammina con i piedi dritti e chi con i piedi a papera. In questo secondo caso una tacchetta che forzi troppo il ginocchio verso l'interno, potrebbe causare un problema alla fascia ileotibiale, creando fastidio alla parte esterna della coscia e allo stesso ginocchio.

Come controllare la posizione delle tacchette (per attivare i sottotitoli, cliccare su Impostazioni e selezionarli).

Controllare la lunghezza della pedivella

Un'altra cosa che molti ciclisti non considerano è la lunghezza della pedivella.

Anche con una pedivella più corta è possibile pedalare senza compromettere potenza e prestazioni e questo è qualcosa che anche i ciclisti professionisti sono stati lenti a capire.

Alle Olimpiadi di Rio del 2016, ad esempio, il Team GB aveva una pedivella lunga 165 mm per aprire meglio i fianchi e far lavorare meno il ginocchio.

Controlla che le scarpe calzino bene

Anche le scarpe sono importanti. Il ciclismo è uno sport in cui si usa tutto il carico sull'avampiede, come lo sci, quindi è importante anche una corretta valutazione dell'appoggio dei piedi. In alcuni casi il supporto delle solette potrebbe bastare per risolvere del tutto le problematiche relative al ginocchio.

Stretching e allenamento della forza

È importante poi non dimenticarsi di tutto il contorno. A volte le ginocchia fanno male perché sono obbligate a fare tutto, stabilità e forza sono fondamentali.

Anche un buon regime di stretching è importante e i foam roller e i massaggio possono aiutare.

Se soffri di dolori al ginocchio consulta regolarmente un fisioterapista o un osteopata specializzati.

Chiunque dovrebbe essere in grado di andare in bicicletta senza dolore.

Stretching e potenziamento per le ginocchia (per attivare i sottotitoli, cliccare su Impostazioni e selezionarli).

© RIPRODUZIONE RISERVATA