di Rosario Palazzolo - 22 June 2018

Giro d'Italia, è stata l'edizione più green

La Corsa Rosa ha trionfato anche nel campo della sostenibilità ambientale con numeri da primato nel riciclo dei rifiuti
Giro d'Italia green

La centunesima edizione del Giro d'Italia sarà ricordata come l'edizione più sostenibile di sempre. La Corsa Rosa partita da Gerusalemme e terminata a Roma, è stata entusiasmante ed ha visto il trionfo finale di Chris Froome. Ma è stata una gara da primato anche per la raccolta dei rifiuti. Anche grazie a “Ride Green”, il progetto ecosostenibile di raccolta differenziata giunto al terzo anno di attivazione (in collaborazione con la Cooperativa Erica) che ha permesso la raccolta di 75.758,12 chili di rifiuti nelle 18 tappe italiane. Di questi, il 90,57 per cento sono stati riciclati nelle.

Giro d'Italia i comuni premiati

La parola d'ordine è sostenibilità

I primati di sostenibilità del Giro d'Italia sono stati presentati giovedì mattina al Roof Top della sede milanese di Red Bull, azienda che ha aderito anch’essa al progetto. E' stata anche l'occasione per premiare le città di tappa che si sono contraddistinte nell’iniziativa.

Tra i rifiuti raccolti, a fare la parte del leone sono stati carta e cartone che rappresentano più della metà degli scarti con 48.704 chili. Seguono plastica e metalli con 14.208 chili.

I Comuni che in partenza hanno raccolto il maggior quantitativo di rifiuti differenziati sono stati: Abbiategrasso (93,3%), Tolmezzo (93,1%) e Venaria (90,9%). Quelli che, invece, ne hanno raccolti di più in arrivo sono stati: Nervesa della Battaglia (91,5%), Osimo (91,4%) e Bardonecchia (90,9%).

Il Comune con più volontari è stato Roma Capitale che ha coadiuvato l'attività di Ride Green con un piccolo esercito di persone ben disposte.

Il Comune che ha saputo meglio coinvolgere la società di gestione dei rifiuti locale è stato il Comune di Santa Ninfa.

"Il Giro d’Italia ha voluto abbracciare questo progetto fin dall’inizio e la scelta è stata vincente – ha detto Paolo Bellino, Direttore Generale di RCS Sport - I numeri delle tre edizioni in cui abbiamo sviluppato questa iniziativa parlano da soli e tutte le componenti coinvolte durante la corsa hanno risposto in maniera ottimale: squadre, città di tappa coinvolte, sponsor e noi dell’organizzazione. Un Giro sempre più ecosostenibile è uno dei nostri punti fermi anche per i prossimi anni e si lega a tutti i progetti di Social Responsibility che sono uno dei principali obiettivi sia nostri che di tutto il gruppo RCS".

Red Bull ha collaborato attivamente al progetto ecosostenibile Ride Green, con l’obiettivo di sensibilizzare le persone sull’importanza di una corretta raccolta differenziata. Grazie ad appositi contenitori e alla Mini Car Red Bull Recycle allestita con uno schiaccia lattine, ha favorito la raccolta delle 250.000 lattine ORGANICS – realizzate in alluminio riciclabile al 100% – che sono state distribuite complessivamente in tutte le tappe toccate dal Giro d’Italia.









© RIPRODUZIONE RISERVATA