a cura della Redazione - 28 April 2018

A Lignano Sabbiadoro il turismo sostenibile

Dal 4 al 6 maggio istituzioni e operatori a confronto nella città friulana che ha scelto di puntare sulla mobilità ciclabile.
A Lignano Sabbiadoro il turismo sostenibile
Sono tante le ricadute positive generate dall'uso della bici al posto dei mezzi a motore

Quanto vale l'economia della bicicletta e qual è il suo valore aggiunto per l'offerta turistica, e non solo, di un Paese come l'Italia? Un tema di indubbia attualità in un contesto globale che sempre più è alla ricerca di soluzioni e prospettive legate alla mobilità sostenibile. Di questo e di molto altro si parlerà dal 4 al 6 maggio a Lignano Sabbiadoro, in occasione di “Lignano Sabbiadoro Goes Green. Prospettive di una città ciclabile”: una tre giorni interamente dedicata al mondo delle due ruote, con un convegno all'interno del quale verranno presentate le pratiche virtuose italiane e internazionali in fatto di mobilità ciclabile e verranno proposte idee e iniziative concrete per promuovere l'utilizzo della bicicletta e stimolare tanto il settore pubblico quanto quello privato a investire sulla “bikenomics”, nella convinzione supportata dai fatti che questa possa rappresentare un volano importante per la crescita sostenibile del nostro Paese.

Il cicloturismo: un'opportunità di crescita

Secondo un recente studio di Legambiente l'insieme degli spostamenti a pedali genera in Italia un fatturato superiore ai 6 miliardi di euro, inteso come somma della produzione di biciclette e di accessori, delle vacanze su due ruote e dell'insieme delle ricadute positive generate dall'utilizzo della bicicletta in sostituzione di mezzi a motore. Come ad esempio in termini di risparmio di carburante, minore spesa sanitaria e riduzione di emissioni nocive (1° Rapporto sull'economia della bici in Italia e sulla ciclabilità nelle città. In collaborazione con VeloLove e GRAB+. Maggio 2017).

Il solo cicloturismo incide per circa 2 miliardi di euro: un dato importante ma ancora distante da cifre come quelle che fanno segnare Germania e Francia, ai vertici in Europa con rispettivamente 11,37 e 7,49 miliardi di euro. Il valore potenziale è, però, probabilmente molto superiore, come dimostra un'analisi di Confindustria-ANCMA e The European House Ambrosetti sul valore delle due ruote, che ipotizza un valore potenziale del cicloturismo italiano di circa 3,2 miliardi di euro.
Per saperne di più CLICCA QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA