Merida Scultura Endurance 7000-E: purosangue da World Tour

Scultura è la bici del Team Bahrain-McLaren. Questa nuova edizione Endurance si ripropone di offrire il comfort necessario per lunghe giornate in sella

1 di 3

Ecco una piccola curiosità sul ciclismo da raccontare ai vostri amici al bar (nel caso si presentasse l’occasione giusta): Merida è il secondo produttore di biciclette al mondo, dietro solo a Giant. Nelle sue fabbriche in Asia progetta e realizza più di tre milioni di bici all’anno, principalmente per il proprio marchio, ma anche per conto terzi – per esempio, possiede il 49% di Specialized, quindi non è difficile capire dove si producano anche le bici di questo marchio. Con il suo patrimonio, Merida è una delle più grandi aziende di Taiwan (dove ha sede). Ed ecco un’altra chicca: il nome deriva dalle sillabe cinesi “Me” che significa bello, “Ri” che vuol dire comodo e “Da” che sta per fluido e mobile. Grossomodo, la traduzione Me-Ri-Da equivale a biciclette costruite per essere stilose ed estremamente guidabili. Razza da competizione Questo mantra è insito nella gamma Scultura Endurance. Scultura è il modello corsaiolo di Merida, usato nel World Tour dal Team Bahrain- McLaren, mentre le sue versioni endurance presentano tratti leggermente mitigati per adattarsi alle lunghe giornate in sella. Un po’ di comfort supplementare ottenuto grazie a una combinazione tra posizione di guida più rilassata e maggiore flessibilità, in aggiunta a una geometria che offre maggiore stabilità. Inoltre, si possono utilizzare pneumatici fino a 35 mm. Ciò non vuol dire che questa gamma di modelli sia incapace di andare veloce, solo che valori di reach e stack rispettivamente di 584 mm e 380 mm propendono più per una fascia di mercato esigente, che non si ferma al semplice “mi preoccupo solo di quanti Watt di potenza sono in grado di erogare”. Il modello da noi provato è il top di gamma 7000-E in un colore blu scintillante, montato Shimano Ultegra Di2 e con ruote DT Swiss P1850 Spline DB23. Il kit di finitura è composto da pezzi prodotti da Merida stessa, che non sono semplicemente fronzoli e concorrono a prestazioni più che onorevoli. Altri bei tocchi includono il deragliatore posteriore direct-mount, caratteristica piuttosto rara dato che questo tipo di componente (introdotto da Shimano) crea maggiore rigidità a livello dell'innesto nel telaio e garantisce una cambiata più precisa e pulita. Il cablaggio è interno e gestito in maniera semplice ed efficace, mentre è presente un accurato multitool nascosto sotto la sella.

Leggi l'articolo completo su Cyclist Magazine N° 49

Modello

Merida Scultura Endurance 7000-E

Prezzo

4.199 euro

Peso

8,52 kg (M)

Gruppo

Shimano Ultegra Di2

Ruote

DT Swiss P1850 Spline DB23

Dotazione

Manubrio Merida Expert SL, attacco Merida Expert CW, reggisella Merida Expert CC, sella Merida Expert CC, pneumatici Continental Grand Prix 4-Season 32 mm

Website

merida-bikes.com

In Italia

meridaitaly.it

  • Il cablaggio interno ordinato consente l’utilizzo di molti manubri e attacchi
  • La possibilità di adottare gomme fino a 35 mm conferisce a Scultura un’elevata versatilità
  • Merida è uno dei pochi marchi a utilizzare il forcellino direct mount di Shimano, che assicura precisione nel cambio

© RIPRODUZIONE RISERVATA