di Andrea Guerra - 20 September 2018

Mixandmove secondo Fiab

Mixandmove, è questo il titolo che la Fiab, la Federazione italiana amici della bicicletta, ha dato all’edizione 2018 della Settimana Europea della Mobilità
Mixandmove secondo Fiab

“Rinunciando all’automobile, il beneficio di questa scelta ricade non soltanto sull’ambiente, ma anche sulla città che viene così restituita alle persone”, dicono dalla Fiab che, come ogni anno, declina la Mobility Week in “Settimana Europea della Mobilità…in bicicletta”. Quest’anno però c’è una novità: si tratta della campagna #CarFeeWeek, che è la sfida lanciata dalla federazione a rinunciare all’automobile per un’intera settimana. “L’idea l’aveva già avuta l’amministrazione di Parigi e ci è talmente piaciuta che l’abbiamo copiata. Peccato che le istituzioni nazionali non abbiano aderito. Abbiamo chiesto sia al ministro dell’Ambiente che a quello dei Trasporti e delle Infrastrutture, ma purtroppo non abbiamo ricevuto risposta”, le parole di Giulietta Pagliaccio, presidente Fiab.
Venerdì 21 settembre c'è il Bike To Work Day, giunto alla sua quinta edizione. Scatta anche la Bike Challenge 2018, che torna quest’anno a Milano, Roma e Torino. Fino a martedì 30 ottobre, i partecipanti potranno registrare direttamente sul sito ufficiale, o grazie ad app specifiche, i km pedalati. Al termine della competizione si saprà il vincitore sommando i percorsi registrati da tutti i componenti delle squadre. “La Bike Challenge fa parte del programma internazionale ‘Love to ride’ nato con lo scopo di diffondere la mobilità ciclistica partendo proprio dal mondo del lavoro. Love to ride è il sito e l’app con cui si potranno monitorare e aggiornare la propria classifica. Non sono richieste pedalate quotidiane, ma anche brevi tragitti occasionali in bicicletta. In passato soltanto a Milano, dove le organizzazioni aderenti sono state 292, i chilometri macinati dagli oltre 5mila ciclisti coinvolti hanno sfiorato i 3 milioni. Il guadagno non si è concretizzato soltanto per i singoli portafogli, ma anche a livello di minori emissioni”, spiegano dalla Fiab.

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA