Omaggio ai Nirvana su due ruote

Pete Stokes ha riprodotto la cover di Nevermind, dei Nirvana, pedalando per otto ore tra le strade di Adelaide.

La copertina di Nevermind riprodotta fedelmente su Strava tra le strade di Adelaide.

Non è raro trovare artisti che riescono ad esprimere le loro capacità nei modi più bizzarri e strani, unendo spesso passioni differenti. È il caso dell'australiano Pete Stokes, 45 anni, che, dopo la polemica nata sulla copertina del celebre album dei Nirvana, Nevermind, ha deciso di omaggiare la band proprio in occasione del loro trentesimo anniversario.

Pete, che nella vita è un project manager di parchi nazionali, ha infatti percorso circa 150 km su una bici a scatto fisso per le strade di Adelaide, riproducendo su Strava il disegno l'iconica sagoma del bambino che nuota sott'acqua protagonista della copertina dell'album del 1991.

In un'intervista rilasciata al The Guardian, Stokes, che è solito realizzare regolarmente immagini con i tracciati deei suoi allenamenti su due ruote su Strava, ha affermato che per la realizzazione della cover dei Nirvana ci ha impiegato circa otto ore, facendo sosta in alcune panetterie trovate sul percorso.

“È una cosa che volevo fare - ha dichiarato -. I Nirvana hanno il loro posto speciale nella mia collezione di dischi. Quando è uscito questo album ero al liceo, avevo 14 anni, ed è in quella fase che un ragazzo forma il suo amore per la musica".

Oltre alla copertina di Nevermind il ciclista ha anche disegnato Ludwig van Beethoven per celebrare il 250esimo compleanno del grande compositore, oltre a dinosauri, draghi, volpi e anche un proprio autoritratto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA