La Ötztaler Radmarathon si fa social

Dal 28 al 30 agosto, nei giorni in cui si sarebbe svolta la storica gara, i ciclisti potranno pedalare i 238 km del percorso direttamente da casa... per una buona causa

1 di 3

Anche la Ötztaler Radmarathon si aggiorna per adeguarsi alle "regole Covid". Nella data in cui si sarebbe svolta la gara, dal 28 al 30 agosto, gli organizzatori promuovono la Ötztaler Socialradmarathon. Nell’arco di tre giorni sarà possibile pedalare da casa propria i tracciati preferiti, e questo per un fine benefico.

Con il suo percorso mozzafiato la gara è una vera e propria istituzione nel panorama ciclistico internazionale. Il campione Emanuel Buchmann del Team BORA – Hansgrohe, arrivato quarto al Tour de France ha paragonato la Oetztaler a una scalata del monte Everest. La valle tirolese dell’Oetztal è un vero paradiso per gli scalatori ed è possibile pedalare gli 8.845 m di dislivello rimanendo in valle.

Quest’anno l’appuntamento è slittato al prossimo anno a causa della pandemia, da qui l'idea di pedalare i 238 km direttamente da casa nel week end in cui era previsto l’evento.

"Il ciclismo nella vallata dell’Ötztal è qualcosa di innato, una grande passione della popolazione locale. Per questo si vuole creare qualcosa di speciale, che possa anche fare del bene in questi momenti difficili. Il denaro raccolto attraverso la Ötztaler SocialRadmarathon verrà devoluto all’associazione „Tirolo aiuta“ , che si occupa di sostenere economicamente famiglie finite in disgrazia” ci racconta Dominic Kuen, direttore della gara.

L’azione charity inizia venerdì 28 agosto e finisce domenica 30 agosto alle ore 17.00. I ciclisti possono iscriversi gratuitamente sulla pagina della Radmarathon e devono comunicare il tempo impiegato nel percorrere i 238 km da casa propria, da uno a tre giorni. Dopo l’iscrizione ognuno ottiene per mail la conferma di partecipazione ed un link, riportante tutte le informazioni come affrontare la prova (tempo, distanza, altimetria). Il nostro motto è „Ride fair“, dice Kuen, che si appella all’onestà dei partecipanti. Si rinuncia comunque alla classifica nello spirito sportivo dei giochi olimpici – esserci è tutto.

L’iscrizione non ha limiti di partecipanti e tutti otterranno un diploma in oro se i 238 km verranno pedalati in una giornata sola, un diploma in argento se in due giorni e in bronzo in tre giorni. Tutti i partecipanti verranno ammessi all’estrazione finale, che prevede la vincita di ricchi premi, come la bici da corsa Trek Emonda, un computer Garmin oppure una partecipazione alle prove sul Circuito Red Bull all’interno del KTM X-Bow.

La Ötztaler SocialRadmarathon è gratuita. Ma a fin di bene i partecipanti possono devolvere una quota libera. L’intero ricavato verrà consegnato all’associazione „Tirolo aiuta“ , che si occupa da tanti anni di famiglie bisognose. Annualmente l’associazione ottiene una media di 1800 richieste di aiuto all’interno della regione del Tirolo. “Il 100 % della beneficienza verrà destinata a chi ne ha bisogno“ dice Herbert Peer, il coordinatore di „Tirolo aiuta“ e ringrazia fin d’ora i ciclisti per il prezioso aiuto!

© RIPRODUZIONE RISERVATA