13 maggio 2020

A Casole d’Elsa l'hub delle bici

Andiamo alla scoperta di luoghi da assaporare in bicicletta, ma anche di persone che in questo periodo difficile hanno compiuto azioni virtuose

Foto Simone Cicalini

Ci sono incantevoli borghi immersi nella natura che sembrano disegnati per essere scoperti e vissuti in bicicletta. Nella geografia del pedalare in Italia, Terre di Casole Bike Hub ha un posto speciale grazie a una serie di scelte e strategie messe in atto con efficacia. Stiamo parlando di Casole d’Elsa, comune nel centro della Toscana con 4.000 abitanti in 141 chilometri quadrati, che si contraddistingue per tanti valori tra cui l’importanza del fattore umano, e non ultimo si è dimostrato valoroso anche durante i recenti mesi.

Dall’inizio degli ultimi avvenimenti, che hanno invaso il mondo senza guardare confini, e dalle prime misure del governo, il sindaco di Casole, Andrea Pieragnoli, ha dato chiare indicazioni ai cittadini sui comportamenti da tenersi e sull’importanza della responsabilità che ognuno assume.

L’associazione Casole Eventi si è prodigata nel produrre mascherine per ognuno e distribuirle alla popolazione in forma gratuita, proprio nel momento in cui erano introvabili. Le produzioni e le industrie del territorio sono sempre rimaste operative nei limiti dei dpcm ma sempre evitando inutili uscite e senza mettere a rischio il proprio vicino.

Un territorio molto vasto che ha registrato zero contagi e dove continuano le buone pratiche per evitare che il virus possa arrivare anche in queste isole felici. La comunità locale ha sempre avuto e tutt’ora ricopre, un ruolo primario, responsabile verso se stessa e verso il prossimo nel preservare il proprio territorio intatto, incontaminato. nel rispetto per la natura, con la quasi totalità di coltivazioni biologiche, e nel rispetto dell’essere umano.

Casole d’Elsa e il Bike Hub, appena sarà possibile, sono pronti per regalare nuovamente emozioni ciclistiche, per un ritorno alla natura e alla vita all’aria aperta in totale sicurezza e benessere.

Le strutture ricettive del territorio sono molto varie, da resorts con appartamenti a relais e hotel di lusso affiliati Luxury Bike Hotels, tutti progettati per regalare spazi riservati e privati a ogni ospite, sempre immersi nel verde.

Nelle ultime settimane sono stati aggiunti ulteriori dettagli e preso provvedimenti per la riapertura nel totale rispetto della sicurezza della persona. La bicicletta sarà sicuramente il mezzo privilegiato, sia per i ciclisti che negli ultimi mesi hanno dovuto vivere in maniera più virtuale la propria passione, sia per coloro che scelgono ora la bicicletta come stile di vita e di svago sostenibile e consapevole.

La naturale distanza tra una bicicletta e l’altra, il territorio isolato, la presenza di guide cicloturistiche esperte che forniscono indicazioni anche per tour self guided, sono le ricchezze di un territorio da assaporare in sella, ma non solo, vista l'offerta enogastronomica e culturale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA