di Rosario Palazzolo - 02 novembre 2018

Primaloft "firma" il primo tessuto isolante biodegradabile

L'azienda americana, leader mondiale in soluzioni avanzate per la tecnologia dei materiali, ha creato il primo tessuto isolante sintetico completamente biodegradabile. Una rivoluzione per il mondo dell'abbigliamento sportivo

1 di 3
La lotta all’inquinamento dei mari è una sfida che non può essere più ignorata. Il cammino per una convivenza più sostenibile dell’uomo con l’ambiente è ancora lungo e faticoso. Ci sono i gesti semplici delle persone che dovrebbero approcciarsi all’ambiente in modo più rispettoso e coscienzioso. Ma ci sono soprattutto le grandi industrie, alle quali è richiesto lo sforzo di ridurre l’impatto ambientale nelle pratiche di produzione e nell’uso di materiali.
Di particolare rilievo l’innovazione presentata nei giorni scorsi a livello mondiale da PrimaLoft, azienda americana leader mondiale in soluzioni avanzate per la tecnologia dei materiali, che ha creato il primo tessuto isolante sintetico completamente biodegradabile.
Si chiama PrimaLoft Bio e la sua caratteristica è quella di disgregarsi completamente quando viene messo a contatto con i classici microbi naturali che si trovano in ambienti come discariche sia terrestri che marine.
Tramite un test accelerato che simulava un terreno di discarica, le fibre di questo tessuto isolante molto diffuso nei capi di abbigliamento tecnici invernali, hanno raggiunto la quasi completa biodegradazione in 394 giorni, una differenza temporale molto elevata rispetto ai ritmi di degradazione (quasi nulli) del poliestere convenzionale nelle stesse condizioni.
Il processo di biodegradazione si lascia alle spalle acqua, metano, diossido di carbonio e biomassa (micro-organismi, rifiuti organici). Sostanze che si dissolveranno nell’ambiente.
“Con la nuova fibra, PrimaLoft si prende carico di ridefinire il significato del termine sostenibilità - ha spiegato Mike Joyce, presidente e CEO di PrimaLoft - Riciclare è un buon punto di partenza, ma siamo intenzionati a portare una migliore risposta ai problemi ambientali che sta affrontando il nostro settore. Produciamo materiali sostenibili già dal 2007 e PrimaLoft Bio racconta chi siamo in maniera diretta, con cuore e anima. Abbiamo guardato ai problemi del mondo, inclusa la proliferazione di rifiuti tessili e microplastiche, e abbiamo studiato come PrimaLoft potrebbe generare un impatto positivo, grazie alle nostre competenze primarie - scienza dei materiali e dei polimeri. Questa tecnologia porta una soluzione a livello di materiale, punto chiave della nostra visione”.

Il materiale, utilizzato da molti grandi marchi sportivi per rendere più caldi e leggeri i loro capi di abbigliamento invernale, si presenta con le stesse caratteristiche di performance, il look o la sensazione del tessuto tradizionale. Il processo di biodegradazione comincerà solamente se esposto ai microbi trovati nel terreno o nell’acqua dei nostri oceani, mentre il materiale isolante resta estremamente duraturo nel corso di tutto il suo ciclo vitale all’interno dei capi di abbigliamento. Sarà in distribuzione dalla stagione 2020.
Ad oggi PrimaLoft, con le sue fibre ottenute da materiali riciclati, ha salvato più di 84.7 milioni di bottiglie di plastica dalle discariche e le ha trasformate in un’avanzata tecnologia di isolamento.
Dal 2020, il 90% dei prodotti d’isolamento di PrimaLoft avranno almeno il 50% di contenuto riciclato, senza compromettere la performance.
© RIPRODUZIONE RISERVATA