Merida Reacto Team-E: pura velocità

Scatti brevi e decisi sono esattamente ciò in cui la Merida Reacto Team-E eccelle. Tutta la sua rigidità assicura un’accelerazione rapida, mantenendo la velocità in modo incredibile. Una bici destinata ai professionisti e a chi piace andare veloce.

1/6

Merida Reacto Team-E.

Modello Merida Reacto Team-E Dura-Ace Di2 Disc

Gruppo Shimano Dura-Ace Di2 Disc

Ruote Vision Metron 55 Clincher TL Disc

Misuratore di potenza Shimano Dura-Ace

Dotazione Cockpit integrato Vision Metron 5D ACR, reggisella Merida Team CW, sella Merida Team CW seatpost, pneumatici Continental GP5000 25mm

Peso 7,7 kg (taglia L)

Prezzo € 6.810

Contatti meridaitaly.it

Una bici che viene dipinta con i colori di una squadra World Tour deve offrire prestazioni all’altezza. E la Merida Reacto Team-E lo fa.

In verità, la verniciatura di questa bici si avvicina molto ai colori del team Bahrain McLaren dello scorso anno. Da allora, la squadra è diventata Bahrain Victorious e le maglie arancioni si sono trasformate in rosse. L’arancione è attraente senza essere sgargiante, ma andrai talmente veloce che nessuno riuscirà mai a notare l’ormai obsoleta scritta ‘Bahrain McLaren’ sul tubo superiore.

Veloce per design

La Reacto è sempre stata la pura bici da strada aero di Merida, e in un’epoca in cui molti marchi stanno fondendo le linee tra le loro bici da corsa leggere e aero, non c’è dubbio che quest’ultima versione appartenga esclusivamente al mondo aero.

Oltre agli angoli acuti e ai profili dei tubi allungati e aerodinamici, la nuova versione è dotata di un cablaggio completamente integrato all’interno del cockpit Vision Metron 5D ACR monoscocca per mantenere l’anteriore ordinato e ridurre la resistenza. Oltre ad una geometria piuttosto aggressiva. L’altezza dello stack di 571 mm abbinata a un reach di 400 mm (taglia grande, 56 cm) posiziona saldamente questa bici nel territorio del ‘lungo e basso’ per quanto riguarda la posizione in sella. Il manubrio integrato è posizionato direttamente sulla corona della forcella, che si trova in un incavo nel tubo di sterzo, novità che secondo Merida fa risparmiare due watt. Non c’è alcuna possibilità di adattare la posizione per provare a rimanere più verticali e, a mio parere, è molto meglio.

Uno dei maggiori cambiamenti rispetto alla versione precedente è il peso. Merida afferma di aver tagliato ben 244 grammi dal telaio e dalla forcella. Cosa che porta il peso complessivo a 7,7 kg per una taglia large. Non è ancora una bici per uno scalatore di peso piuma, ma non è nemmeno un ostacolo nelle salite.

Merida dichiara anche di aver apportato miglioramenti nel comfort, ma anche questo è un discorso del tutto relativo. Il nuovo layup del telaio dovrebbe fornire lo smorzamento delle vibrazioni e la sezione tagliata nel reggisella aggiungere ulteriore flessibilità, ma la rigidità complessiva della bici permette di sentire anche la più piccola sconnessione della strada. C’è comunque spazio per pneumatici fino a 30 mm, che potrebbero aggiungere un po’ di ammortizzazione extra, ma nessun ciclista che acquisti questa bici sta in realtà cercando una guida confortevole - è tutta una questione di velocità.

Scatti brevi e decisi sono esattamente ciò in cui la Reacto eccelle - tutta quella rigidità assicura un’accelerazione rapida, mantenendo la velocità in modo incredibile. La maneggevolezza è basata sulla sua reattività, anche se nei giorni di vento laterale potrebbe soffrire un po’ visti i tubi allungati e sottili del telaio e le ruote alte 55 mm.

Le piccole salite si affrontano con facilità grazie alla potenza della corona grande, mentre anche le pendenze più lunghe si sono rivelate perfettamente gestibili seduti in sella e a cadenza costante. Questo è il bello di una bici come questa: il design aerodinamico aiuta a compensare il peso extra, mentre la rigidità del telaio assicura un trasferimento efficiente della potenza.

E proprio per tenere traccia della potenza, Reacto Team-E viene fornita con un misuratore di potenza Shimano integrato nel pacchetto. Un bel plus che aiuta a renderla degna di considerazione quando viene confrontata con modelli concorrenti di prezzo simile.

Altre aggiunte interessanti sono le alette di raffreddamento dei freni a disco (come dei piccoli radiatori in lega attaccati alle pinze) che dovrebbero fermare il surriscaldamento dei dischi, e la luce posteriore integrata nel reggisella, che utilizza lo spazio fornito dal taglio della flessione. La luce non è ricaricabile tramite USB, anche se è sufficiente utilizzare batterie ricaricabili AAA per avere lo stessa praticità. Inoltre, utilizzando una borsa sottosella viene coperta. Io ho optato per utilizzare la mia solita luce sulla mia borsa dimenticandomene.

Una ricca scelta

Reacto Team-E è una bici che è veloce e si guida altrettanto velocemente. Qualcuno potrebbe fare qualche osservazione sulla colorazione che dovrebbe essere destinata solo ai membri della squadra, ma la cosa è fatta con una classe e una raffinatezza tale che anche i detrattori dovrebbero trovarla quasi accettabile. È difficile capire cosa distingua la Merida Reacto dalle altre bici aero di livello World Tour, tranne la fascia di prezzo. Certo, seimila euro sono un prezzo impegnativo, ma per una bici con caratteristiche simili, di altri grandi marchi, ci potrebbero volere mille o anche due mila euro in più. Se la velocità è quello che state cercando, allora la Reacto è certamente degna di attenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA