di Sebastiano Modica - 17 July 2018

Rh+, fitting da professionisti

Dinamismo e qualità sono i tratti distintivi di Rh+, azienda brianzola (con quartier generale a Lentate sul Seveso) che in poco tempo ha scalato la classifica di gradimento per quanto concerne l’abbigliamento da ciclismo
Rh+, fitting da professionisti

Immagine esclusiva, accurata scelta dei materiali, design di tendenza sono i fattori del successo che distinguono Rh+, tratti distintivi anche della collezione spring/summer 2018 in cui spiccano accostamenti cromatici arditi ma abbinati a scelte grafiche personalissime.
Non ci siamo pertanto lasciati sfuggire l’occasione di analizzare più attentamente alcune delle novità testandole lungo le colline toscane: la maglia Matrix, i bib short Logo e il casco Lambo.

Prima classe

Partiamo nella nostra analisi da una parola: ProLogic.
Con la tecnologia ProLogic Rh+ spinge la progettazione in direzione di capi nei quali costruzione e materiali sono i medesimi utilizzati in ambito professionistico. Logico pertanto attendersi non solo una scelta certosina dei materiali ma anche una vestibilità che riunisce comodità, traspirabilità e resistenza.

La maglia Matrix

A finire per prima sotto la lente d’ingrandimento è la maglia Matrix, un vero e proprio concentrato di tecnologia in cui materiali e cura costruttiva si incontrano dando vita a un prodotto dalla qualità altissima.
Il tessuto FD 4 Way stretch è il materiale utilizzato per gran parte della maglia, abbinato a pannelli traforati sui fianchi allo scopo di favorire la traspirazione e quindi l’evacuazione del calore corporeo.
Le maniche dal taglio aderente e lunghe quasi fino al gomito fanno riferimento a quanto utilizzato in ambito professionistico con la particolarità del fondo Ultralight Bonded.
Posteriormente tre tasche minimaliste e ben aderenti al tessuto della maglia, progettate secondo il concetto Streamline Aero Pocket, consentono di portare con sé il minimo indispensabile per le classiche uscite. La tasca di destra ha la particolarità di un rivestimento antiscivolo al suo interno ideale per riporre il cellulare ed evitare che in caso di sconnessioni possa inavvertitamente fuoruscire. Non manca una taschina chiusa con zip per riporre le chiavi di casa o eventuali monete.
Nella parte inferiore una fascia elastica denonimata Grip Fit XLight con riporto interno in silicone garantisce una perfetta aderenza della maglia anche in posizione aerodinamica.
Infine, la chiusura con zip a tutta lunghezza con sistema di bloccaggio camlock completano il quadro di una maglia dalla grafica estrosa ma di classe. Non mancano riporti rifrangenti per aumentare la visibilità in condizioni di scarsa visibilità.

Rh+, fitting da professionisti

Logo bib short

I pantaloncini Logo replicano sul piano del materiale quanto già utilizzato per la maglia Matrix. Ritroviamo il tessuto FD 4 way stretch composto all’80% Poliestere ed il 20% Elastan. Cuciture piatte e fondello Summus sono alcune delle caratteristiche comuni agli altri modelli della collezione.
Segni distintivi dei Logo sono il pannello posteriore a schiena aperta in rete traspirante, caratteristiche troveremo di estrema comodità nella prova dinamica, ed i fondi gamba con pannelli elasticizzati in silicone Grip Fix XLight.

Rh+, fitting da professionisti

Il casco Lambo

Il nome sicuramente richiamerà alla mente una celebre autovettura sportiva ed è proprio il settore automotive da cui proviene l’ispirazione che ha portato alla definizione del casco Lambo.
Chi ha un occhio allenato avrà sicuramente notato il Lambo in testa ai professionisti del team Wanty, logico di conseguenza immaginare come tutte le features del casco siano le medesime di quello portato in gara nel World Tour.
Esteticamente la calotta si presenta di dimensioni piuttosto compatte con la parte posteriore tronca in linea con le più recenti tendenze che spingono verso estetiche più tondeggianti e meno spigolose.
La calotta è frutto dell’esclusiva tecnica di realizzazione tramite processo di co-stampaggio con cui la parte esterna in policarbonato viene fusa assieme a quella interna in EPS, soluzione che garantisce solidità in caso di impatti unitamente a grande leggerezza.
Al suo interno un’imbottitura anallergica in tessuto rh+ Fire Dry in pezzo unico, removibile integralmente e lavabile, ne eleva il comfort contribuendo all’assorbimento del sudore nonché a una rapida dispersione del calore.
È dotato di cinturini dotati di nuovi divider dalla forma a Y così da evitare fastidiose interferenze con le orecchie. La fibbia di chiusura con meccanismo a scatto include una imbottitura in spugna a protezione della gola. Posteriormente il nuovo sistema di ritenzione Power FIT 2 con meccanismo di regolazione micrometrica a rotore garantisce grande stabilità del casco anche in caso di sconnessioni.
Non solo comodità ma anche grande aerazione grazie a un sistema di aperture frontali così da favorire l’ingresso dell’aria fresca in prossimità della fronte e della parte superiore della testa, mentre sul retro una serie di estrattori provvedono a una rapida evacuazione dell’aria calda.
Il Lambo pervenutoci in redazione è nella versione priva del sistema MIPS, disponibile al pubblico ad un prezzo di poco superiore a quello da noi provato. La colorazione nella colorazione Matte Black con motivi grafici esagonali in silver sulla parte superiore della calotta ben si abbina al kit Matrix/Logo contribuendo a rendere il completo elegante.

Rh+, fitting da professionisti

La nostra prova

Partiamo dalla vestibilità con una parola: professionistico. Sì perché le premesse del concetto ProLogic qui traspaiono tutte e si estrinsecano in un fitting decisamente aderente che se sulle prime può dare un senso di oppressione, è in movimento che arrivano le sorprese, positive ovviamente.
L’attenta costruzione dei pannelli con cui sono realizzati maglia e salopette fa sì che i capi risultino aderenti e compressivi al punto giusto senza dare alcuna sensazione di fastidio.
Con il concetto ProLogic maglia e salopette sono sagomati allo scopo di garantire la miglior aderenza possibile una volta in posizione senza intralciare nei movimenti.
La maglia aderisce molto sul torace e sulle braccia, nessun svolazzamento tale da risultare fastidioso. La parte posteriore aderente al corpo permette un’ottima traspirazione, amplificata dal pannello posteriore aperto della salopette Logo che consente una rapida evacuazione del calore.
Il fondello Summus si è rivelato comodo e della larghezza giusta scongiurando indesiderati sfregamenti con la sella e dotato di uno spessore medio tale da non intralciare i movimenti di flesso-estensione delle cosce garantendo nel contempo un eccellente comfort anche sulla lunga distanza.
Eccellenti alla fine i terminali in silicone XGrip sulla salopette. Garantiscono una aderenza tenacissima trattenendo i gambali da fastidiose “risalite” lungo le cosce.
Perfetto abbinamento il casco Lambo nella livrea nera opaca. La calotta è estremamente compatta in senso longitudinale e trasversale, ma ciò che sorprende è il peso ridottissimo grazie alla tecnica di co-stampaggio.
Il fitting è comodo senza punti di pressione sul cranio. Il sistema di ritenzione è facilmente regolabile grazie ad un rotore di buone dimensioni che garantisce grande solidità del casco in testa anche in presenza di asfalto sconnesso. Lo stesso sistema è regolabile in altezza a livello della nuca così da trovare il perfetto allineamento con la zona occipitale del cranio.
Comodissima la fascetta di protezione in spugna alla cinghia di chiusura evitandone il contatto diretto con la gola. Un accessorio sicuramente gradito ai ciclisti con la barba.
Infine l’aerazione, ottima grazie alle grandi prese d’aria frontali, tre che garantiscono un flusso diretto sulla fronte (accorgimento grazie al quale si limita tantissimo la sudorazione) e tre superiori di cui una centralmente sulla calotta di dimensioni maggiori. Grazie agli estrattori posteriori anche sotto al sole cocente non abbiamo percepito particolari fastidi, con un flusso d’aria avvertibile tale da garantire un ricambio d’aria costante e mantenere fresco il capo.

In conclusione

Il kit fornitoci Rh+ che abbiamo testato ha mantenuto fede al blasone di cui gode ormai da tempo la factory brianzola. Il fitting da professionisti, l’estrema cura sia nella scelta dei materiali che negli accoppiamenti dei pannelli nonché le scelte grafiche vivaci senza trascendere nell’eccesso rappresentano l’optimum per chi desidera un kit estivo dalla qualità altissima, di classe dal punto di vista grafico ed ama distinguersi.
L’unica raccomandazione che muoviamo è quella di provare questo kit d'abbigliamento prima dell’acquisto in virtù del suo fitting aderente.

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA