Santini Adapt, il giubbino da bici caldo e leggero

La nostra prova della giacca Santini Adapt, che offre una sorprendente capacità riscaldante anche nelle giornate primaverili più fredde nonostante la sua estrema leggerezza.

1/7

La giacca Santini Adapt.

Coprirsi nel modo corretto ad inizio primavera (come in autunno) può essere difficile. Con il meteo che può cambiare da un momento all'altro è fin troppo facile ritrovarsi ad avere troppo caldo o troppo freddo.

Ma dovendo scegliere un capo caldo come primo strato ho subito optato per la giacca Santini Adapt. Con solo 354 grammi e la dicitura "peso medio", mi aspettavo che con una temperatura esterna di circa 8°C avrei avuto freddo. Errore. Nel momento in cui ho raggiunto la prima collina ero talmente surriscaldato che ho cercato con insistenza di abbassare la zip per far entrare più aria.

Il giubbino Adapt è incredibilmente calda nonostante la sua leggerezza grazie suo mix di tessuti, con pannelli frontali che includono una membrana antivento inserita tra uno strato esterno resistente all'acqua e un rivestimento interno in un mix di lana merino e sintetico.

Il tessuto laminato a tre strati si estende sulle spalle e fino a metà della schiena. In più, una zona in pile sintetico più traspirante utilizzato per la sezione centrale aumenta il flusso d'aria, regalando più comfort durante ogni attività.

Sulla parte posteriore è anche inserita un'ampia striscia riflettente a metà schiena che si sovrappone leggermente al pile ed è cucita sulla linea centrale. Un assemblaggio dall'aspetto un po' strano, ma che potrebbe essere utile per favorire il flusso d'aria interno e posizionare bene i riflettenti ad altezza vista.

Per quanto riguarda le tasche, quella centrale è un po' più ampia di quelle laterali, utile per tutti gli extra che una pedalata al freddo richiede. Oltre, a una tasca con zip sul petto utile per le chiavi.

Particolarmente funzionale il grande anello della zip centrale, che rende facile la regolazione dell'aria anche quando si indossano i guanti più pesanti. Zip rivestita in pile per aiutare a riparare anche dalle brezze più fredde.

I polsini sono elasticizzati e a costine e fanno un ottimo lavoro di isolamento dall'aria fredda. La scollatura è fatta dello stesso tessuto, anche se un po' bassa. Ma con uno scaldacollo per le giornate più fredde la soluzione è semplice e veloce.

La vestibilità della giacca Santini Adapt è aderente ma confortevole, abbastanza ampia ed elastica per contenere anche uno strato in più in caso di freddo pungente, ma senza che risulti "svolazzare" quando usata da sola. Ed è anche abbastanza lunga, aiutando a mantenere calda anche la parte superiore coperta solo dai "ciclisti". La cucitura inferiore elastica, con cintura in silicone, fa in modo che la giacca rimanga sempre al suo posto.

A 199 euro, il giubbino Santini Adapt non è sicuramente la più economica, ma sicuramente rispecchia anche l'alta qualità di tessuti e tecnologie utilizzati per realizzarla. E poi, chissà, potremmo anche scoprire di poterla utilizzare come strato base durante le giornate invernali più fredde.

© RIPRODUZIONE RISERVATA