di Dario Marchini
10 December 2021

Santini Cycling Wear punta ancora sul Made in Italy

Nuova sede e nuovo quartier generale dell’azienda bergamasca di abbigliamento tecnico per ciclismo in previsione dell'aumento di produzione del nuovo piano industriale.

1/4

La conferenza stampa di presentazione del progetto della nuova sede di Bergamo di Santini Cycling Wear.

«In questi ultimi anni il comparto del ciclismo è cresciuto in modo esponenziale tanto da essere considerato una disciplina non solo spettacolare per lo show televisivo e salutare per il benessere del corpo, ma si è elevato a sport di tendenza, dove la tecnologia tessile incontra lo stile e, in questo scenario internazionale, il nostro marchio si è affermato ancora di più grazie alla qualità delle collezioni proposte e alla affidabilità del nostro Made in Italy».

È con queste parole che Monica Santini, amministratore delegato di Santini Cycling Wear, ha introdotto il progetto del nuovo quartier generale dell’azienda, presso la sede di Confindustria Bergamo nel Kilometro Rosso.

Per sostenere lo sviluppo atteso nei prossimi anni, Monica e Paola Santini hanno deciso di aprire un nuovo capitolo aziendale, trasferendo l’azienda in una struttura che fosse in grado di assicurare il forte aumento di produzione previsto dal piano industriale, confermando la scelta di voler continuare a produrre nel nostro Paese.

Monica e Paola Santini insieme al papà Pietro.

«Nella scelta della nuova sede, che avrà una superficie tripla all’attuale di Lallio, ci hanno guidato anche i valori aziendali, come la volontà di avere una struttura dal forte connotato green, sia come spazi verdi che come costo energetico – commenta Paola Santini – e soprattutto che fosse all’interno del perimetro comunale della città di Bergamo, di cui vogliamo continuare a essere un punto di riferimento nel nostro settore».

Oltre allo storico rapporto con l’UCI, la federazione mondiale di ciclismo, che dura dal 1988, l’azienda orobica può vantare 25 edizioni di Maglia Rosa, l’accordo esclusivo con Ironman, la sponsorizzazione del Team Trek Segafredo e, ultimo ma non certo per importanza, l’annuncio della partnership con il Tour de France.

L’azienda ha la previsione di chiusura dell’esercizio in corso con un fatturato di 31 milioni di euro (con oltre l’85% ricavato dall'export) ottenuto anche grazie a collaborazioni con fornitori a chilometro zero dell’area bergamasca e lombarda e con importanti partnership dal forte contenuto tecnologico.

Rendering del progetto del nuovo quartier generale Santini ad opera dello studio Acerbis.

La nuova sede si trova in via Zanica, 14 a Bergamo dove è in corso la ristrutturazione degli edifici, opera affidata allo studio dell’architetto Marco Acerbis di Bergamo.

Il nuovo insediamento produttivo, che rappresenta un punto di equilibrio tra architettura e design, prevede due stabili dove andranno alloggiate le linee di produzione e gli uffici amministrativi.

Il nuovo quartier generale sarà ecosostenibile grazie all’adozione di energie provenienti da fonti rinnovabili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA