di Rosario Palazzolo - 23 August 2018

Sena, il casco ti tiene in contatto con il mondo mentre pedali

Il caschetto della californiana Sena consente di ascoltare musica, messaggi, la radio, e di conversare al telefono, senza togliere la possibilità di cogliere tutto ciò che accade intorno.

Conversare al telefono mentre si è in sella ad una bici. Oppure seguire i comandi di un navigatore, o ancora ascoltare musica. Tutte operazioni che la tecnologia ha reso semplici.... ma alquanto pericolose per chi si trova alla guida. Anche per chi ha pensato di risolvere i problemi di comunicazione nascondendo gli auricolari sotto il casco (cosa vietata dal Codice della Strada e perciò passibile di sanzione).

Sena, brand californiano, ha trovato una soluzione piuttosto semplice quanto geniale. Concentrare tutte queste funzioni in un casco che risponde alle norme del Codice ma consente di comunicare a tutto tondo, con mani e orecchie libere.

Sena X1 Smart Cycling Helmet è un caschetto da bici tradizionale che al suo interno contiene un microfono anteriore e due speakers “open air” proprio sopra le orecchie. Dunque consente di ascoltare musica, messaggi, la radio, e di conversare al telefono, senza togliere la possibilità di cogliere tutto ciò che accade intorno a noi. Un ottimo compromesso tra qualità dell'ascolto e necessità di capire cosa accade sulla strada mentre pedaliamo.

L’X1 è dotato di un sensore Bluetooth che si collega agli smartphone sfruttandone tutte le funzionalità. Dalle chiamate telefoniche, alle funzioni di navigazione, alle app, la musica. Il tutto manovrando su tre comandi posti sul lato del casco.

Ottimo interfono per connettere fino a 4 ciclisti contemporaneamente

Sena è specializzata nei caschi da moto con connessioni avanzate. Dunque non poteva rinunciare a mettere anche in questo caschetto un sistema di conversazione tra più utenti. In pratica, sfruttando lo stesso sistema di speakers, i caschi sono connessi e i ciclisti sono in grado di conversare amabilmente, pur trovandosi a distanze di 20 o 30 metri (secondo la nostra prova). La qualità del suono è buona, pur trattandosi di una conversazione “open air”. Gli altoparlanti sono molto vicini alle orecchie, dunque basta un volume ridotto per ascoltare musica e conversazioni, ma ci si deve ricordare che non si è in cuffia e che chi ci sta accanto sente ogni cosa. Il dispositivo è dotato di un Advanced Noise Control che riduce in modo sensibile le interferenze dovute all’aria o al rumore di fondo. Le conversazioni sono pulite. Lo abbiamo utilizzato anche in discesa e fino a 40 all'ora non si percepisce quasi il rumore del vento, che si fa più consistente superando i 50 chilometri orari di velocità. Le forme sono più ampie e arrotondate rispetto i caschetti più aerodinamici da “performace”, ma sono stabili sulla testa e ben ventilati.

Il prezzo? Naturalmente è un po' più elevato rispetto alla media dei caschi. Siamo intorno ai 229 euro sul sito ufficiale di Sena. Ma rappresenta indubbiamente una buona scelta per chi si muove in bicicletta in città e desidera rimanere connesso quando è in sella. Utile e piacevole anche per chi pratica il cicloturismo e desidera rimanere connesso con i propri compagni di avventura (supporta fino a 4 connessioni contemporanee). La batteria è dichiarata per una durata di circa 3 ore e mezzo, ma abbiamo sperimentato la sua funzionalità con le sole conversazioni tra cicilisti per una durata superiore alle 4 ore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA