di Peter Stuart - 13 marzo 2019

Tom Dumoulin: "Il Giro d'Italia è il mio preferito"

Il vincitore del Giro 2017 parla a Cyclist dei suoi piani per il Tour de France e di come migliorare nei Grandi Giri

Foto Rob Milton


Sei reduce da un paio di anni al top ai Grandi Giri. Hai vinto la Corsa Rosa nel 2017. E il Tour de France era alla tua portata l’anno scorso. Punti alla Grande Boucle nel 2019?

"Probabilmente sì. Mi emoziona questa sfida, anche se non sono sicuro che mi si addica. Ora la data è lontana e quindi non possiamo ancora essere sicuri al 100% che andrò al Tour. Se andrò, però, penso sarà davvero entusiasmante".


Potresti essere il primo olandese a vincere il Tour de France dai tempi di Joop Zoetemelk nel 1980. Ti dà ancora più motivazione?
"Certo, sarebbe bello interrompere la striscia vincente degli inglesi. Ci sono parecchi olandesi forti in grado di puntare alla Classifica generale. Non ci sono solo io, penso a Steven Kruijswijk, Bauke Mollema e Wout Poels".


Consideri il Tour la tua gara preferita?

"No, il mio Grande Giro preferito è il Giro d’Italia. Per la passione che c’è attorno, è una gara iconica. Ne percepisci l’essenza in ogni componente, un aspetto che mi piace del mio sport".


Cosa si prova a partire come specialista a crono e ritrovarsi fra i pretendenti alla Generale e leader della squadra?

"È stato difficile adattarsi, soprattutto l’anno scorso. Non è mai facile riuscire a gestire l’attenzione, ma sento che mi sto abituando al mio nuovo ruolo nella squadra".


Sei arrivato secondo nella crono del Mondiale. La consideri una buona prestazione o pensi che avresti potuto fare di più?

"Non sono soddisfatto del mio rendimento, ero abbastanza lontano dal mio livello migliore. Non c’è dubbio che mi sarei potuto avvicinare di più a Rohan Dennis se fossi stato nella mia forma migliore. Ma non è giusto dire che avrei potuto batterlo se fossi stato al top, quando Dennis è in perfetta forma è molto dura fare meglio di lui".



L'intervista completa è stata pubblicata su Cyclist - Marzo 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA