10 May 2018

Emozioni Mondiali

L’ex ciclista tirolese Thomas Rohregger, ambasciatore dei Campionati mondiali nel Tirolo austriaco e disegnatore (insieme ad altri) dei tracciati ufficiali, ha parlato della difficile sfida iridata con Mario Cipollini, a Milano. "Sarà un Mondiale straordinario e memorabile con un percorso dedicato agli scalatori, ai ciclisti specializzati nelle salite più estreme”, ha commentato il "Re Leone"

Nell'immagine Thomas Rohregger e Mario Cipollini (foto PR Partner)

Un Mondiale è un Mondiale. E se il percorso è uno dei più duri nella storia del nostro sport, l’attesa è ancora più emozionante. La prossima edizione si svolgerà nel Tirolo austriaco l’ultima settimana di settembre, dal 22 al 30 settembre. Se n’è parlato a Milano, alla stampa e al pubblico di Upcycle Bike Cafè, con Thomas Rohregger e Mario Cipollini.
Il percorso che assegna il titolo maschile fra i professionisti prevede 7 giri finali massacranti, con l’ultima salita che ha un dislivello del 28%, prima del traguardo davanti all’Hofburg, la residenza imperiale nel centro di Innsbruck.
"Sarà un Mondiale straordinario e memorabile con un percorso dedicato agli scalatori, ai ciclisti specializzati nelle salite più estreme”, ha commentato Mario Cipollini riferendosi al percorso di 264 km e 4.670 metri di dislivello, disegnato dal campione tirolese Thomas Rohregger, ambasciatore proprio dei Campionati in Austria.
Sarà sicuramente un evento spettacolare, sia per l’organizzazione e l’attenzione agli atleti sia per l’accoglienza riservata ai tifosi da tutto il mondo”, ha ribadito Super Mario, che conosce la capacità degli austriaci di organizzare al meglio gli eventi sportivi di livello mondiale, come per esempio la famosa Hanhenkamm di Kitzbühel alla quale ha presenziato come grande appassionato di sci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA