Vietato pedalare in gruppo: in tutta Italia scattano controlli e sanzioni per i ciclisti

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri prevede che si possa pedalare solamente in modo individuale e non in gruppo, norma che in molti amanti della bicicletta trascurano. Occhio alle multe!

Se anche in questo week-end non vedete l'ora di uscire per la vostra canonica pedalata domenicale, fate molta attenzione a come decidete di farla. Da quando le misure anti Covid si sono fatte più strette, in tutta Italia, dal Veneto alla Liguria, dall’Emilia Romagna alla Lombardia, i controlli delle forze dell’ordine non stanno risparmiando nessuno, e soprattutto i ciclisti che, nonostante i divieti, si muovono in gruppo per allenarsi e dirigersi verso le salite più vicine e le zone collinari.

Per i ciclisti (e per i runner) il Dpcm prevede che si possa svolgere solamente in modo individuale e non in gruppo, anche uscendo e poi facendo ritorno presso la propria abitazione. Una norma che molti amanti della bicicletta trascurano, pensando che sia sufficiente tenere una piccola distanza dai compagni di pedalata.

Controlli e sanzioni sono stati segnalati sulle strade dei Colli Euganei, che sin dalle prime ore del mattino dei giorni di fine settimana sono state prese d'assalto da centinaia di ciclisti.

Anche nella bergamasca un gruppo di ciclisti è stato segnalato e sanzionato perché procedeva in gruppo senza rispettare le norme di distanziamento sociale.

E ancora, sono stati segnalati assembramenti sulla pista ciclabile di Sanremo, dove le forze dell’ordine sono dovute intervenire.

La normativa stabilisce che in zona rossa o arancione l’uscita del ciclista deve avvenire individualmente. Se anche lungo il percorso si dovessero incontrare altri ciclisti è obbligatorio tenere un distanziamento di almeno due metri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA