Amstel Gold Race, Freccia Vallone e Liegi-Bastogne-Liegi: arriva il trittico delle Ardenne

Otto giorni di immersione tra le strade di Paesi Bassi e Belgio, su continui sali-scendi e improvvisi strappi spaccagambe. È la settimana delle classiche delle Ardenne, dove non conta la strategia ma la voglia di vincere.

Arrivano le classiche delle Ardenne.

Inizia la settimana delle classiche delle Ardenne, tre appuntamenti tra Olanda e Belgio, in cui vedremo sfilare lungo le strade di casa tutti i più grandi campioni del nord Europa e del mondo. Tre gare molto simili tra loro, quasi tutti inediti, disegnate lungo stretti tracciati collinari e costellate da rapide e improvvise salite.

Ad aprire il trittico sarà la gara più importante dei Paesi Bassi, la Amstel Gold Race, in programma domani a Valkenburg aan de Geul, mentre mercoledì 21 aprile la carovana del World Tour si sposterà a Charleroi per la Freccia Vallone. Chiusura, infine, sempre in Belgio, domenica 25 aprile cona la Liegi-Bastogne-Liegi.


Grande assente il campione olandese Mathieu van der Poel che si è preso un periodo di pausa dalle gare su strada per dedicarsi alla preparazione delle gare di mountainbike dei Giochi Olimpici di Tokyo.

Amstel Gold Race

Domenica 18 aprile è il giorno della Amstel Gold Race, classica olandese da Valkenburg aan de Geul a Berg en Terblijt di 218,6 chilometri (134,1 km quella femminile) su un circuito inedito di 16,9 km da ripetere per 13 volte (7 nella gara femminile), più un ultimo giro di 15,8 km, senza la presenza del Cauberg, una delle principali asperità del giorno assieme al Geulhemmerberg e al Bemelerberg.

Amstel Gold Race.

Tra gli uomini la sfida per il primo posto sarà tra il campione del mondo Julian Alaphilippe, il belga Wout van Aert e il fresco vincitore della Vuelta a España Primoz Roglic. Occhi sempre puntati anche su l’eterno Alejandro Valverde, il vincitore della Milano-Sanremo Jasper Stuyven, Greg van Avermaet, Jakob Fuglsang, Richard Carapaz e Tao Geoghegan Hart.

Le speranze degli azzurri, all'ombra in questo inizio stagione, sono sempre intorno a Sonny Colbrelli, Matteo Trentin e Alberto Bettiol.

Tra le donne possibili exploit delle stelle di questa gara, Katarzyna Niewiadoma, Chantal Van Den Broek-Blaak e la campionessa del mondo Anna van der Breggen. Ma attenzione sempre alla nostra azzurra Elisa Longo Borghini seguita da Elisa Balsamo, Marta Bastianelli e Soraya Paladin.

L’Amstel Gold Race 2021 partirà da Valkenburg alle ore 12.05 e terminerà a Berg en Terblijt verso le ore 17.30.
La corsa sarà trasmessa in diretta televisiva su Rai Sport e Eurosport dalle ore 14.00 (Eurosport 1 trasmetterà anche la gara femminile a partire dalle ore 11.05).

Freccia Vallone

Mercoledì 21 aprile sarà la volta della Freccia Vallone, forse la più attesa dai campioni. Tracciato inedito (e dieci chilometri in meno rispetto al 2020) anche in terra belga, con partenza da Charleroi per un totale di 192 km e 12 côte (due in più della passata stagione), con tre passaggi, compreso quello dell'arrivo finale, sul Mur de Huy (1300 metri al 9,6% di media, con punte del 19%).

Per quel che riguarda la gara femminile, invece, la corsa si svilupperà su 126,5 km, con gli ultimi 90 uguali a quelli della prova maschile. 8 le côte da affrontare prima del traguardo finale sempre sul Mur de Huy.

La Freccia Vallone (A.S.O./Gautier Demouveaux).

Lo scorso anno era stato lo svizzero Marc Hirschi a tagliare per primo il traguardo, ma quest'anno sarà in squadra con un certo Tadej Pogačar. Sarà poi da verificare cosa avrà lasciato nelle gambe di Alejandro Valverde (primo nel 2006, 2014, 2015, 2016, 2017), Julian Alaphilippe (vincitore nel 2018 e nel 2019), Wout van Aert e Primoz Roglic l'Amstel Gold Race di soli tre giorni prima.

L'Italia, 18 vittorie, è la seconda nazione, dopo i padroni di casa del Belgio (38), nel medagliere della manifestazione. Attenzione puntata su Fabio Aru.

La sfida femminile sarà tra le due olandesi, Anna van der Breggen (6 vittorie sul Mur de Huy) e Marianne Vos (5 vittorie). Insieme a loro la connazionale Annemiek van Vleuten, la danese Cecilie Uttrup, la sudafricana Ashleigh Moolman-Pasio e la nostra onnipresente Elisa Longo Borghini.

La Freccia Vallone sarà trasmessa in diretta su Rai Sport dalle ore 12.00 per la gara femminile e a seguire quella maschile e su Eurosport 1 a partire dalle ore 13.00.

Liegi-Bastogne-Liegi

Cambia solo leggermente il percorso della Doyenne Liegi-Bastogne-Liegi in programma domenica 25 aprile. Saranno 259,5 i chilometri di gara prima della volata finale sul Quai des Ardennes, un tracciato caratterizzato da 11 côte tra cui la nuovissima Côte de Desnié (1,6 km all’8%) che arriva poco prima della decisiva Côte de la Redoute. Come lo scorso anno, l’arrivo sarà tra le vie di Liegi e non sulla collinetta di Ans.

Percorso simile anche per le donne, che partiranno sempre da Liegi ma affronteranno 141 km molto intensi, di cui gli ultimi 80 in comune con la gara maschile, con passaggi (per la prima volta) sulla Côte de Desnié, Col du Rosier e Côte des Forges.

Liegi-Bastogne-Liegi.

Ci si aspetta la rivincita tra Primoz Roglic e Julian Alaphilippe, quest'ultimo beffato lo scorso anno sulla linea del traguardo dopo aver esultato troppo presto, ma anche Tadej Pogačar, Marc Hirschi e Fuglsang. E Alejandro Valverde che, a 41 anni, sogna la quinta volta per raggiungere Merckx nell'albo d'oro. Ma saranno sicuramente la Amstel Gold Race e la Freccia Vallone a condizionare le scelte dell'ultima delle classiche, tra delusioni, stanchezza e voglia di vincere.

La Liegi-Bastogne-Liegi partirà alle ore 10.00 e terminerà verso le 17.00. Sarà trasmessa in diretta su Rai Sport alle ore 11.20 la gara femminile e alle ore 14.25 la gara maschile; su Eurosport 1 a partire dalle ore 11.20 la gara femminile e dalle ore 13.25 la gara maschile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news
Ultime novità
Ultime flash