Pearson Hammerandtongs, piacere di guida a tutto tondo

La nuova bici da strada dal più antico bike shop del mondo.

1/4

Pearson Hammerandtongs.

Modello Pearson Hammerandtongs
Peso 8,13 kg (M)
Gruppo Shimano Ultegra Di2 Disc
Dotazione Manubrio Pearson integrato in due parti, reggisella Pearson aero in carbonio, sella Pro Turnix Crmo, pneumatici Continental GP5000 TL 32mm
Ruote Pearson Hoopdriver Tooth and Nail
Prezzo € 6.200
Contatti pearson1860.com

All’epoca non me ne sono reso conto, ma è stato il padre del mio vecchio amico Andy, Roger, che per primo ha suscitato il mio interesse per la bici da strada. Roger una volta ha viaggiato in bicicletta dall’Inghilterra alla Francia, cosa che aveva sconvolto la mia piccola mente di otto anni, soprattutto quando ha sottolineato di aver pedalato per tutto il tragitto, anche sul ponte del traghetto. Aveva questa bicicletta Sunn - una marca francese degli anni ‘90 - le cui leve dei freni si muovevano lateralmente per cambiare le marce. La loro pulizia era ipnotizzante; le volevo a tutti i costi.
Guardando indietro, quelle leve devono essere state alcuni dei primi cambi Shimano STI, e francamente, wow! Cosa si può volere di più? Eppure, guardando le bici di oggi come si fa a dire che non siamo viziati? La tecnologia è incredibile. Ma si paga per questo. O no?
Ok, più di 6.000 euro per la Pearson Hammerandtongs sono tanti, ma si sarebbe potuta chiamare Bellsandwhistles (una bici ‘con tutti i fronzoli’, ndr), e costare il doppio. Perché è la sintesi di una moderna bici da strada in tutti i modi in cui la si potrebbe immaginare, più uno.

Come un martello

Per chi non lo sapesse, Pearson è il più antico negozio di biciclette del mondo. L’attività risale al 1860 e oggi i fratelli di quinta generazione Will e Guy sono i suoi attuali titolari. In origine qui le biciclette si riparavano solo, ma oggi Pearson vende kit completi da capo a piedi e una scuderia di biciclette omonime come questa.

“Abbiamo progettato il telaio nel Regno Unito e perfezionato la modellazione 3D con un nostro partner in Estremo Oriente”, dice Will Pearson. “Volevamo provare a creare il meglio di entrambi i mondi: un telaio che avesse ancora un po’ di comfort, ma che fosse all’altezza del suo nome (‘martello e pinze’, ndr)”.
Questa è la sesta generazione della Hammer e le grandi differenze nel modello 2021 sono un aggregato di tutte le cose che avrei trovato così affascinanti da bambino. Ci sono dischi, ingranaggi elettronici, tubi aerodinamici, nessun cavo in mostra, pneumatici tubeless da 32 mm e geometria ottimizzata per essere più aggressiva. I cerchi “bulbosi” hanno persino una sorprendente somiglianza con gli ultimi e più grandi e più stabili 454 NSWs di Zipp.
Su quest’ultimo punto non posso dire se le ruote siano extra-stabili con vento laterale, né posso dire se loro o le forme dei tubi del telaio rendano la bici più veloce di quanto potrebbe essere altrimenti. Ma posso dire che la geometria si sente veloce ma controllata, e che fin dall’inizio la Hammer si è guadagnata il suo nome (martello, ndr). Tuttavia, come molte altre bici di ultima generazione, deve molto ai suoi pneumatici, che offrono maggiore aderenza, minore resistenza al rotolamento e più comfort.

1/2

Pearson Hammerandtongs.

La resistenza al rotolamento è difficile da definire perché è difficile da sentire, ma l’aderenza e il comfort sono più immediati. Con la Hammer non sono riuscito a toccare il bordo gomma - il punto in cui la bici inizia a perdere la presa in curva. Mi sono sentito eccezionalmente sicuro, molto più che sulla mia bici da strada da 25 mm. Ma il comfort?
Leggendo il fianco dei Continental GP5000s tubeless si legge ‘max 87 psi (6 bar)’, ma dato che ho scoperto che gli pneumatici da 28 mm girano bene a 60/65 psi (4/4,5 bar) anteriore/posteriore (sono 80 kg), ho pensato che 55/60 psi (3,5/4 bar) fosse un buon punto di partenza. Ma era ancora rigida, così ho abbassato la pressione fino a quando non si è trasformata.
Tornato in laboratorio, ho fatto misurare ai miei tecnici la nuova pressione: 40 psi (2,7 bar) la posteriore, 37 psi (2,5 bar) l’anteriore. Troppo bassa? Utilizzando un calcolatore di pressione on-line che considera nel suo algoritmo il peso del ciclista e la larghezza interna del cerchio il risultato è stato di 62 psi (4,2 bar) al posteriore, 58 psi (3,9 bar) all’anteriore. E con le gomme pompate “correttamente” (usando questa volta un misuratore digitale), sono ripartito.

Ringraziamenti...

Mi piacerebbe dire di aver trovato la giusta via di mezzo, ma nonostante fosse ancora veloce e la gestione reattiva e il grip in curva buono, la bici era ancora rigida.

Un problema? Forse una volta. Oggi ciò che si può fare è prendere un telaio rigido e giocare con la pressione degli pneumatici. Sì, si possono variare gli strati di carbonio e le forme dei tubi, ma niente crea comfort e aderenza più di uno pneumatico largo e a bassa pressione, ed è questo il trucco che le Hammerandtongs possono sfruttare. Probabilmente guarderei altrove se volessi a tutti i costi una bici con pneumatici da 25 mm. Ma sono felice di poter scegliere uno pneumatico largo, e questa bici ne è la ragione. È rigida, sì, ma utilizzando gomme da 32 mm la Hammerandtongs ripristina la sua morbidezza, aggiunge tonnellate di grip e diventa un piacere di guida a tutto tondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA