01 June 2020

Strava cambia strategia e diventa a pagamento. Tutte le novità

Segmenti, classifiche, applicazioni di terze parti saranno visibili e utilizzabili solo da utenti premium. Vi spieghiamo cosa cambia.

1 di 5

Negli scorsi giorni gli oltre 55 milioni di utenti (runner, ciclisti o nuotatori) che quotidianamente utilizzano Strava per condividere i risultati dei propri allenamenti e le proprie gare sul web, si sono trovati di fronte ad una comunicazione improvvisa e inaspettata dei suoi ideatori, Mark Gainey e Michael Horvath.

Strava è probabilmente l'applicazione di tracciamento gps più diffusa al mondo. Ogni giorno sono milioni i dati statistici di velocità, distanza, altitudine e cardiaci che vengono caricati e confrontati. Da quando è nata nel 2009, ha sempre offerto un servizio gratuito e un servizio Premium a pagamento più completo e aggiornato. Ma il gran numero di utenti che la utilizzano gratuitamente non ha mai permesso alla società che lo gestisce di avere una redditività pari alla sua popolarità. Per questo, in questi giorni, dopo undici anni, ha apportato alcune significative modifiche per rafforzare il valore del suo servizio di abbonamento (59,99 € all'anno o 7,99 € al mese), riducendo una serie di funzionalità "complesse e costose da mantenere" dal suo servizio gratuito.

Continuerà ad esistere una versione free, ma con dati e consultazione estremamente ridotta. Si potrà continuare a salvare e condividere la propria traccia gps, vedere la posizione dei segmenti (KOM) e caricare le proprie foto. Quello che non si potrà più fare sarà un'analisi approfondita sui parametri delle proprie uscite e il confronto diretto con gli altri utenti.

Per chi non conoscesse Strava, i segmenti sono tracciati di qualsiasi lunghezza salvati e registrati da un qualsiasi utente. Pedalando o correndo, ogni volta si passi su un segmento precedentemente salvato, Strava stila una classifica di quel particolare tratto e la aggiorna in tempo reale.

Le classifiche dei segmenti sono e restano il core di Strava, soprattutto per chi ama le due ruote. Si esce, si carica l'allenamento e subito dopo si può confrontare il proprio risultato con tutti gli utenti che hanno corso lo stesso segmento.

Il posizionamento in classifica di ogni segmento rimarrà gratuito per tutti anche nella nuova versione, ma l'analisi dettagliata diventerà disponibile solo per gli abbonati. Che vorrà dire pagare per accedere alle classifiche complete e analizzare e confrontare i risultati.

Tutti gli utenti saranno comunque ancora in grado di vedere le prime dieci posizioni (uomini e donne), creare nuovi segmenti, esplorare, cercare, contrassegnare segmenti, vedere i propri risultati e record personali.

Inoltre, non ci sarà nessuna modifica ai segmenti Live (segmenti visualizzabili durante l'attività), che sarà ancora disponibile solo per gli abbonati (e solo per i devices che supportano la funzione).

Trasformare alcune funzioni da gratuite a pagamento non è stata l'unica novità introdotta da Strava. La società è stata molto impegnata anche a soddisfare le numerose richieste di nuove funzionalità.

Tra queste, una delle più desiderate e utilizzate, è la possibilità di tracciare lo sviluppo della propria forma fisica e la verifica dei propri progressi. Per questo, tutti gli abbonati ora potranno vedere una serie di nuove funzionalità di allenamento per monitorare meglio il proprio stato e la necessità di recupero.

La nuova scheda di allenamento sarà composta da quattro nuovi moduli: attività settimanali, diario di allenamento, intensità settimanale e fitness mensile. E mentre in precedenza era possibile visualizzare solo corsa, bici o nuoto, ora verranno visualizzati più di trentadue diverse tipologie di attività sportive.

Verranno poi aggiunti una serie di filtri per trovare e ordinare più facilmente i propri allenamenti in base a tempo, distanza, altitudine, tipo di sport e spostamenti.

Basato sulla frequenza cardiaca, sullo sforzo percepito (o sui dati del misuratore di potenza), il nuovo calcolatore di intensità settimanale fornirà un semplice riepilogo del carico di lavoro. Mentre la funzione di fitness mensile assegnerà un punteggio alla forma fisica, per un veloce confronto con i mesi e gli anni precedenti.

Tutti gli abbonati troveranno poi una serie di nuovi strumenti di modifica e disegno dei percorsi dedicata alla versione desktop di Strava, derivati dall'esperienza mobile, come la possibilità di visualizzare il tipo di superficie, oltre al tracciato del percorso e al grafico di elevazione. Inoltre, sarà disponibile una ricerca della posizione per l'aggiunta di punti di riferimento e nuovi filtri per ottimizzare i tracciati anche in base all'altitudine e alla tipologia di superficie (strada, sentiero, ciottolato...).

Infine, tutti gli utenti di Strava potranno visualizzare percorsi precedentemente salvati o salvare percorsi di altri utenti. Ma la creazione di nuovi percorsi e la modifica di percorsi esistenti saranno disponibili solo per gli abbonati.

Di seguito, l’elenco pubblicato da Strava relativo alle nuove funzionalità, a quelle che diventano a pagamento e a quelle che rimangono disponibili nella versione gratuita:

Nuove funzioni su abbonamento

  • Un corposo aggiornamento della funzione Percorsi con piani e raccomandazioni su iOS e Android
  • Giri abbinati: analisi delle prestazioni su pedalate identiche ripetute più volte nel corso del tempo
  • Visualizzazione della cronologia completa dell'allenamento sul Registro allenamento su iOS
  • Analisi dell'allenamento oggi disponibile per tutti i tipi di attività
  • Passo in base alla pendenza (GAP) ora su iOS e Android
  • In arrivo: un modo completamente nuovo di gareggiare sui segmenti…

Nuove funzioni su abbonamento precedentemente gratuite

  • Classifiche segmenti complete (prime 10 posizioni visualizzabili anche nella versione gratuita)
  • Comparazione, filtro e analisi con la funzione Prestazioni segmento
  • Pianificazione dei percorsi su strava.com con mappe migliorate e assistenza sui segmenti
  • Corse abbinate: analisi delle prestazioni su corse identiche ripetute nel corso del tempo
  • Registro allenamento su Android e Strava.com
  • Comparazioni e tendenze mensili delle attività

Funzioni recenti introdotte per tutti gli utenti

  • Possibilità di visualizzare “prima i preferiti” dell'elenco e ritornare all'ordine cronologico
  • Rilevazione più efficace delle incongruenze… Giù dal trono falsi KOM, QOM e RP!
  • Caricamento dati da Apple Watch e miglioramento della sincronizzazione con Apple Salute
  • Hai registrato per errore un tratto in macchina? Usa la nuova funzione Ritaglia attività da cellulare
  • Tempo trascorso (in totale) e in movimento visualizzabili su tutte le attività
  • Analisi nuova o migliorata di potenza, cadenza e frequenza di bracciata del nuoto

Questa la comunicazione di Mark Gainey e Michael Horvath inviata a tutti gli utenti di Strava:

"Cari atleti Strava,

Se dobbiamo definire in qualche modo il 2020, possiamo dire che senza dubbio ci ha imposto un cambio di prospettiva. Il lato positivo dei periodi duri come quello attuale, è che inducono a guardarsi dentro e a concentrarsi sugli aspetti fondamentali: cosa è più importante per noi? E come possiamo esserne all'altezza?

In questi ultimi mesi le nostre risposte a queste domande si sono fatte più chiare e oggi ci muoviamo con un unico scopo: ridedicare Strava alla nostra comunità.

I nostri atleti meritano uno strumento economicamente accessibile e in costante sviluppo e ci auguriamo che tu abbia notato quanto ci siamo impegnati quest'anno per garantirti questo risultato. Siamo un team costituito da 180 persone, piccolo ma potente, e nel 2020 abbiamo già apportato ben 51 modifiche indirizzate esclusivamente agli atleti, dalla sincronizzazione dell'Apple Watch, alle nuove mappe e misure per gli sport sulla neve, al massiccio aggiornamento della funzione Percorsi, e molto altro. Abbiamo anche eliminato alcuni elementi che potevano costituire una distrazione, come le Integrazioni sponsorizzate (la cosa più vicina a una pubblicità nel feed a cui siamo arrivati). E abbiamo abilitato nuovamente l'ordinamento cronologico dell'elenco. Ci siamo resi conto di quanti problemi avesse creato questa modifica e ammettiamo di aver rimediato con un certo ritardo.

Dedicare Strava alla nostra comunità significa anche impegnarsi affinché Strava viva a lungo. Non siamo ancora un'azienda che realizza profitti e dobbiamo diventarlo per offrirti un servizio più adeguato, con la massima correttezza: garantendo onestà, trasparenza e rispetto dei nostri atleti.

L'abbonamento a Strava è al centro della nostra strategia.

Questo significa che, a partire da oggi, alcune delle funzioni gratuite che sono particolarmente complesse e costose da mantenere, come le classifiche di segmento, saranno disponibili solamente per gli abbonati. E da ora in avanti sarà riservato ai soli abbonati anche un numero maggiore delle funzioni nuove che svilupperemo: investiremo maggiormente negli atleti che avranno investito in noi. Abbiamo anche semplificato la procedura per abbonarsi eliminando i pacchetti e il marchio Summit. Adesso puoi usare la versione gratuita di Strava oppure abbonarti. Semplice.

Concentrandoci sugli abbonati potremo garantire l'operitività di Strava ai nostri atleti per qualche decennio a venire, in modo chiaro, valorizzando il contributo di chi oggi ci ha scelto. È inoltre nostra intenzione utilizzare il ricavato di questi cambiamenti e reinvestirlo direttamente nella creazione di funzioni nuove e sempre più avanzate, senza doverci inventare altri modi per riempirti di pubblicità o vendere i tuoi dati personali. Quello che vogliamo è creare un prodotto di tale livello che tu sia felice di pagare per averlo.

L'abbonamento a un mese costa quanto un paio di barrette energetiche e pensiamo siano soldi ben spesi. Ma siamo anche consapevoli che, soprattutto negli ultimi tempi, alcuni atleti hanno dovuto affrontare serie difficoltà economiche e che pertanto la versione gratuita di Strava dovrà continuare a garantire funzioni adeguate e di qualità. Ti garantiamo che Strava non sarà mai uno strumento esclusivamente a pagamento, e che se anche non ti abbonerai sarai comunque parte integrante della nostra comunità. Continueremo a puntare su di te in ogni caso, e ci auguriamo che tu faccia altrettanto con noi.

Ti ringraziamo moltissimo per come hai continuato a lavorare e a sostenerci, e siamo felici di rinnovare il nostro totale impegno nei confronti tuoi e di tutti gli atleti di questa comunità.

A presto!"


Michael e Mark

I fondatori di Strava Mark Gainey e Michael Horvath.

© RIPRODUZIONE RISERVATA