Cinelli Pressure, una bici aero con tanto potenziale in più

La nuova nata di Cinelli, la Pressure, con qualche piccolo aggiustamento promette di diventare un'aero fatta apposta per divertirsi a tutta.

1/5

Cinelli Pressure.

Modello Cinelli Pressure

Gruppo Shimano Ultegra R8000, Variazioni leve Shimano Ultegra 6800 STI, guarnitura FSA Gossamer, cassetta Miche

Ruote Vision Team 30 TLR Disc

Dotazione Manubrio Deda Zero 2,

attacco FSA NS ACR, reggisella Cinelli C-Wing saddle, sella Cinelli Pressure, pneumatici Impac Racepac 28 mm

Peso 6,98 kg (taglia M)

Prezzo € 4.690
Official Cinelli Online Store wingedstore.com

Online cinelli.it

Stampo aperto. Qualche anno fa sarebbe stata una caratteristica negativa, perché significava che il prodotto X in carbonio veniva realizzato con uno stampo accessibile a chiunque, e quindi tendeva ad essere di qualità inferiore. Stampo chiuso, al contrario, significava esclusivo. Esclusivo significava costoso, e costoso significava alti livelli di controllo della qualità e di R&S. Ma vista l’evoluzione attuale della tecnologia, i componenti a stampo aperto oggi sono spesso molto buoni in termini di qualità e quasi identici nel design a quelli a stampo chiuso. Anche perché, a quanto pare, in Estremo Oriente, è davvero difficile difendere la proprietà intellettuale.

La nuova aero Pressure è a stampo aperto, anche se il vicepresidente di Cinelli, Fabrizio Aghito, dice che “è un progetto condiviso” con la fabbrica che lo produce. Cinelli ha utilizzato il proprio settore di ricerca per scegliere questo telaio tra molti altri, basandosi sulla sua estrema velocità. Ha anche specificato che è stato costruito con un processo di stampaggio EPS più avanzato e più costoso - dove sono utilizzati mandrini di polistirolo al posto delle vesciche d’aria per dare una migliore compattazione, una maggiore resistenza e un peso inferiore.

Mi fido di quanto hanno dichiarato, e in effetti la finitura del telaio è decisamente elegante - quando viene ruotata, la parte posteriore della corona della forcella rivela anche una piccola faccina (uno smile) sorridente.

990 g di telaio e 390 g di forcella sono ragionevoli per una bici aero, e anche la linea risulta meravigliosamente pulita da guardare - tutti i cavi sono nascosti - con uno spazio per gli pneumatici da 30mm. Ma dopo questo promettente inizio, mi sono improvvisamente trovato in conflitto con la Pressure.

Un po’ pesante, ma...

Una bici aero può essere tante cose, ma prima di tutto deve essere veloce. E nella sua configurazione base che abbiamo provato la Pressure non lo è. La ragione? Pesa quasi 10 chili, e si sente.

Sia in accelerazione che in salita, la Pressure è un po’ ancorata, con una guida frenata e non lineare. Quindi, dov’è l’inganno? Ho pensato subito alle ruote che, spogliate dalla cassetta, pesano ben 3.197 grammi. Ho subito pensato che la Pressure meritasse un cambio.

Cinelli Pressure.

Qualcuno potrebbe brontolare, perché le uniche ruote che ho avuto a disposizione sono state le DT Swiss ARC 1100, da 1.472 grammi complessivi. Con pneumatici Schwalbe Pro One tubeless da 28 mm, il set completo alla fine pesava solo 2.092 grammi. Per un costo totale di poco superiore ai 2.500 euro. Naturalmente queste ruote renderebbero migliore qualsiasi bicicletta, ma per ora non consideriamolo e concentriamoci su ciò che la Pressure si è rivelata dopo averle vestite.

Il telaio è un tutt’uno nella parte posteriore, così rigido da poter far slittare la ruota posteriore in uno sprint, se si ha intenzione di farlo. Ed è rigido anche davanti, con pochissima flessione dal manubrio fino alla punta della forcella. In questo senso è stato divertente spingerla a tutta e, dato che il peso complessivo era sceso di oltre un chilo (fino a 8,46 kg), io e la Pressure siamo finalmente arrivati dove volevamo: essere veloci.

In salita non era ancora del tutto naturale e la sua estrema rigidità l’ha mantenuta un po’ legata anche in discesa. Ma il feedback è stato notevolmente migliorato dalle nuove ruote, nonostante il cambio anteriore fosse ancora un po’ troppo duro. Questo è spesso il prezzo da pagare utilizzando sistemi meccanici interni – con angoli stretti e lunghi cavi. Ma finalmente la Pressure si è sentita viva.

Richieste di fornitura

Così come viene presentata, la Pressure rientra in una categoria di livello medio. Ma deve essere valutata nel contesto attuale del mercato.

Tutti i marchi e i distributori stanno soffrendo a causa della catena di forniture e dei costi in progressivo aumento. La Pressure ha un prezzo di 4.690 euro che è esattamente quello che deve costare per poter produrre margini praticabili ai rivenditori, e tutti i componenti, come le ruote e la catena FSA, portano la bici ad un certo costo. Ruote migliori o un gruppo Ultegra differente aumenterebbero ulteriormente il prezzo di listino.

Poi c’è da considerare la catena di fornitura. Nessuno avrebbe mai potuto prevedere una situazione come quella attuale in cui procurarsi un componente sarebbe stato così faticoso.

C’è una cosa che però non riesco a capire: gli pneumatici. Gli Impac Racepac pesano 450 grammi l’uno e hanno un rivestimento da 24 tpi - una ruota da carrello sarebbe più flessibile.

Ma ho appena saputo che i copertoni forniti di serie passeranno agli Schwalbe One TLE senza costi aggiuntivi (sul mercato italiano la Pressure viene venduta con pneumatici Vittoria Zaffiro Pro / 700x28c. di serie, ndr).

Tutto è bene quel che finisce bene. Questa è una grande vittoria per la Pressure e, se le mie prove hanno dimostrato qualcosa, inizierà a sbloccare il vero potenziale di questo ottimo telaio ben concepito, rendendolo un vero e proprio spettacolo e molto divertente da guidare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA