Il 2022 sarà l'anno della gravel, con un calendario UCI ufficiale e un Campionato del Mondo dedicato

L'Unione Ciclistica Internazionale ha deciso di aggiungere la gravel alle discipline del calendario ufficiale internazionale 2022 e di organizzare un Campionato del Mondo dedicato.

Dopo il successo degli ultimi anni delle strade bianche e la crescita degli appassionati dell'off-road, l'Unione Ciclistica Internazionale ha annunciato ufficialmente la rivoluzione che avverrà nel 2022: un campionato del mondo dedicato alla categoria gravel, una serie di appuntamenti (Gravel World Series), organizzati in collaborazione con Golazo (società belga che si occupa di organizzazione di eventi), che permetteranno agli atleti (professionisti e non) di qualificarsi all'UCI Gravel World Championships.

Una scelta che era nell'aria. Non si conoscono ancora i dettagli di tutto il progetto. Nel comunicato da parte dell'UCI viene solo specificata la tipologia di terreno sulla quale le gare si svolgeranno (ghiaia, ciottoli, strade forestali in terra più o meno sassose, strade di campagna) e che gli eventi del calendario non saranno rivolti esclusivamente a ciclisti professionisti.

Brilleranno sicuramente gli occhi ai tanti organizzatori che in questi anni si sono prodigati nella promozione della disciplina e del territorio, e che vedranno materializzarsi i frutti di tanta passione.

Non si conosce nemmeno il luogo dove si svolgerà la prima edizione d questi nuovi Campionati Mondiali, anche se gli Stati Uniti sembrano essere una delle papabili soluzioni, visto il largo seguito di appassionati e le numerose gare che già vengono organizzate.

Uno dei primi a crederci e a portare all'attenzione della Unione Ciclistica Internazionale la proposta di un Campionato del Mondo di Gravel era stato, ancora più di un anno fa, Giancarlo Brocci l’ideatore de L’Eroica. E proprio quelle strade bianche sembrano essere le candidate più quotate per diventare un domani uno dei luoghi più iconici per le prove della nuova disciplina internazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA