Garda 2022, la nuova entry-level in carbonio Wilier

Con la nuovo Garda, Wilier prende tecnologia e design delle bici top di gamma e le porta ad un prezzo più accessibile.

1/5

Wilier Garda.

La Garda è la nuovissima bici da strada in carbonio entry-level di Wilier che porta la tecnologia più moderna a un prezzo più accessibile.

Chiamata come il magnifico lago del nord d'Italia, Wilier ha presentato "la Garda come la bici perfetta per le persone che vogliono pedalare senza stress con un modello di ultima generazione".

Wilier ha spiegato di aver 'rinfrescato' la sua offerta entry level in carbonio con un nuovo design ricco di tutte le ultime tendenze del settore, con la Garda che si posiziona sopra la GTR Team e sotto la Cento10 SL.

Il Telaio

A prima vista, la Garda sembrerebbe collocarsi tra le offerte di alta gamma di Wilier su strada, con una forma aerodinamica, i foderi abbassati e i cavi completamente integrati che le forniscono una finitura extra pulita.

L'attacco manubrio è completamente nuovo ed è stato creato appositamente per la Garda proprio per ottenere anche questa integrazione. La Stemma S, in alluminio con piastra frontale a quattro bulloni, che è essenzialmente una versione più semplificata della Stemma SL, utilizza anche gli stessi copristerzo come le Filante SLR, Wilier 0 SL e Cento10.

È una piccola cosa, ma tutti sono in grado di apprezzare l'estetica premium dell'integrazione, anche a scapitto della manutazione.

Wilier ha anche dato alla Garda lo spazio per pneumatici più larghi, con la versione a disco che permette pneumatici fino a 32 mm e la versione a cerchio fino a 28 mm.


Il telaio è fatto da una miscela di carbonio che Wilier chiama NH-Mod, cioè una miscela di carbonio normale e ad alto modulo - più è alto più è rigido - che aiuta a mantenere bassi peso e prezzo, per un peso finale del telaio di 1.120 g e con la forcella che pesa 370g.

1/5

Wilier Garda.

Gamma e prezzi

Nonostante la Garda sia disponibile sia con freno a disco che tradizionale, il setup con quest'ultima opzione è solamente uno, con gruppo Shimano Ultegra R8000 e ruote Shimano RS100, la soluzione più economica a 2.700 euro.

Se invece si preferisce la versione a disco, sono sei configurazioni tra cui scegliere, con due per ciascuno dei principali produttori di gruppi.

Prima i due modelli equipaggiati con Shimano Ultegra R8020, con la scelta aggiuntiva di ruote Wilier NDR 38 KC e Shimano RS171 che portano i prezzi rispettivamente a 3.900 e 3.200 euro.

I modelli SRAM montano il nuovo gruppo Rival AXS senza fili, con opzioni di ruota Wilier NDR 38 KC o Wilier RX 26, che fanno variare il costo rispettivamente da 4.500 a 3.900 euro.

Infine, in cima alla lista, ci sono i modelli Campagnolo Chorus, con la stessa scelta di ruote SRAM che portano i costi a 4.700 e 4.000 euro. Ma a questo punto, definirla 'entry level' è un po' un'esagerazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA