di Fulvia Camisa - 05 settembre 2019

Milano celebra la bici

Dal 14 al 22 settembre segnatevi in agenda Milano Bike City, il festival diffuso dedicato alle due ruote ecologiche

1 di 4

Torna Milano Bike City, segnatevi in agenda i giorni che vanno dal 14 al 22 settembre. L’anno scorso sono state coinvolte oltre 60 realtà organizzative per più di 140 eventi proposti (nella foto il Velodromo Vigorelli - Chiara Redaschi). In totale, 20 mila partecipanti e oltre 280 mila persone raggiunte sui canali digitali.

Un bel traguardo per una prima edizione. Promosso dall’Assessorato allo Sport e dall’Assessorato alla Mobilità, il festival diffuso dedicato alla bici vede anche nel 2019 scendere in campo realtà sportive, culturali e commerciali. “Dopo il successo della prima edizione siamo certi che anche quest’anno la manifestazione sarà una preziosa occasione per scoprire il potenziale ciclabile del nostro territorio, promuovere uno stile di vita sempre più sostenibile e confrontarsi sulle buone regole della convivenza su strada. Milano, con gli oltre 200 chilometri di percorsi ciclabili su strada e nelle aree verdi, e i 500.000 metri quadrati di Zone 30, è una città che si presta benissimo all’utilizzo della bicicletta. Questa è in continua crescita, come confermano i 4 milioni all’anno di utilizzi di BikeMi”, hanno dichiarato l’assessore a Mobilità e Ambiente Marco Granelli e l’assessore a Turismo, Sport e Qualità della vita Roberta Guaineri. Nel 2018 una speciale giuria ha premiato l’associazione Massa Marmocchi Milano e le sue pedalate mattutine a favore della mobilità casa-scuola.

Anche l’edizione che ci attende assegnerà il premio della ciclabilità a un progetto particolarmente meritevole per l’impatto che può avere sul miglioramento della mobilità urbana. “Siamo orgogliosi di MakeMImove, il premio alla ciclabilità che caratterizza Milano Bike City. Testimonia quanto questa formula di promozione della bici - che tiene insieme pubblico e privato - possa poi garantire risorse per progetti particolarmente meritevoli. Il premio è uno degli elementi fondanti del festival e fa parte del format che da quest’anno abbiamo proposto con successo ad altre città. Come Bologna Bike City, svoltosi dal 19 maggio al 9 giugno, e Padova Bike City, dal 16 al 22 settembre, in coincidenza con la Settimana europea della mobilità. L’intenzione è far crescere il network delle Bike City per portare in giro per l’Italia un modo nuovo di sostenere la mobilità ciclistica, basato sulla conoscenza e sulla condivisione di esperienze”, ha commentato Giovanni Morozzo, uno degli organizzatori della manifestazione lombarda.

La macchina organizzativa del variegato palinsesto ciclistico potrebbe avere come sede e punto informativo un luogo iconico. “Il sogno si chiama Velodromo Vigorelli perché non c’è altro luogo in città che abbia la forza di rappresentare la bicicletta, tutte le biciclette, e i ciclisti, tutti quelli che vanno in bici”, ha confidato il co-organizzatore Marco Mazzei.

Fra le novità segnaliamo “Speak and Cycle”, un percorso culturale e coinvolgente sulle tracce di Leonardo da Vinci. Ideato dalla scuola di lingue Prêt à Parler, propone due date: il 18 e il 19 settembre. Guidati da un insegnante madrelingua (attenzione, c'è anche una versione francese), ci si ferma a dialogare in inglese per entrare a stretto contatto con l’arte e i luoghi dove ha vissuto e lavorato il grande genio. Il tour in bici prevede anche una sosta aperitivo.

Fra le conferme c’è la Deejay 100, la granfondo per bici da corsa di un centinaio di chilometri. È in calendario il 22 settembre, con inaugurazione del village a City Life sabato 21. Per scoprire cosa offre il nuovo palinsesto consultate il sito milanobikecity.it.

Illustrazione di Alessio Sala

Merita un approfondimento il progetto firmato Prêt à Parler, la scuola per chi desidera imparare una lingua immergendosi nella sua cultura: “Speak and Cycle” e "Apéro Vélo" designano un percorso culturale e divertente sulle tracce di Leonardo da Vinci. In ogni tappa ci si ferma a dialogare in inglese o francese guidati da un madrelingua. Il tour prevede una sosta aperitivo e porta a stretto contatto con l’arte e i luoghi dove ha vissuto e lavorato il grande genio.

Appuntamento alle 19.30 in Piazza Santa Maria delle Grazie (MM1-2 Cadorna): mercoledì 18 settembre in francese; mercoledì 18 o giovedì 19 settembre in Inglese CLICCA QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA