Project Aero, la nuova collezione aero di Le Col e McLaren

Dalla nuova collaborazione tra Le Col e McClaren nasce la nuova Project Aero Collection, maglie e tute in grado di far volare letteralmente lungo la strada.

1/3

Le Col x McLaren Project Aero.

La scorsa stagione Le Col e McLaren erano entrambi sponsor di una squadra World Tour, con due corridori che hanno indossato i loro kit rosso, giallo, nero e blu durante i primi cinque appuntamenti del Grand Tour. Quella squadra oggi si chiama Bahrain Victorious.

Quest'anno, non essendo più associate a nessuna squadra, hanno collaborato a una nuova gamma di abbigliamento super aerodinamico che, forse, avrebbe anche potuto contribuire a favorire qualche vittoria al World Tour. Un kit nero lucido con dettagli arancioni, la collezione Le Col x McLaren Project Aero sviluppata in collaborazione da esperti sia di ciclismo che di aerodinamica.

Una formula vincente

La nuova gamma è composta da maglie a maniche corte, maglia maniche lunghe, pantaloni, tuta completa sia a maniche lunghe che corte e, naturalmente, calze.

1/8

Le Col x McLaren Project Aero.

Chiaramente, le due tute sono il vero pezzo forte. Dopo vari test in galleria del vento e in pista, Le Col ha dichiarato di aver creato un prodotto più veloce di molte tute utilizzate attualmente al World Tour, realizzato con tessuto italiano ultraleggero e texturizzato per ottimizzare il flusso d'aria con fossette e strati posizionati strategicamente.

Sebbene non aerodinamiche quanto la tuta, le maglie sono state testate e perfezionate per la massima velocità e sono state realizzate in High Speed ​​Lycra sul davanti e sulle maniche, con loghi in rilievo, tasche integrate e vestibilità aderente.

Le Col ha dichiarato che la maglia a maniche lunghe è in grado di far risparmiare 6 watt rispetto a quella a manica corta, a una velocità di 40 km/h.

Infine, anche le calze sono state create in tessuto aerodinamico insieme a una costruzione esagonale traspirante, un polsino interno aderente e a un'imbottitura intorno e alla base delle dita dei piedi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA